Salute

Ricerca: nel cervello un 'lost & found' dei ricordi

Roma, 4 ago. (AdnKronos Salute) - Nel cervello esiste un processo che potrebbe essere assimilato a un 'lost&found' dei ricordi, un servizio oggetti smarriti e ritrovati. Un team di scienziati ha infatti dimostrato per la prima volta che i ricordi sono più 'robusti' di quanto si pensi, identificando un sistema cerebrale che potrebbe aiutare a salvare la memoria, o a seppellire i brutti ricordi, anche attraverso nuovi farmaci. Lo studio della Cardiff University è pubblicato sulla rivista 'Nature Communications'.

"Precedenti ricerche in questo campo avevano evidenziato che, quando si richiama un ricordo alla memoria, è sensibile alle interferenze di altre informazioni e, in alcuni casi, viene completamente spazzato via. La nostra ricerca sfida questo punto di vista e crediamo che dimostri il contrario", dice Kerrie Thomas, che ha guidato lo studio.

"Abbiamo scoperto che, nonostante l'uso di una tecnica che si pensava producesse amnesia totale, è possibile recuperare i ricordi molto forti", aggiunge.

I risultati sono stati ottenuti nei ratti, ma la squadra di ricercatori spera che possano essere applicati agli esseri umani attraverso nuovi farmaci e trattamenti per le persone che soffrono di disturbi della memoria.

"Questi modelli animali - prosegue Thomas - riflettono con precisione ciò che accade nella nostra mente e suggeriscono che i nostri ricordi autobiografici sono offuscati da nuove informazioni, piuttosto che essere effettivamente persi. Si tratta di una prospettiva entusiasmante anche per il trattamento di malattie psichiatriche con associati disturbi della memoria, come il disturbo da stress post-traumatico, la schizofrenia e la psicosi. Ora possiamo inventare nuovi farmaci o strategie comportamentali che possono trattare questi problemi di memoria nella consapevolezza che il nostro cervello non cancella le nostre esperienze", conclude l'esperto.

4 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us