Salute

Ricerca: mummie smentiscono cardiologi, aterosclerosi già in antichi Egizi

Finora era considerata una malattia moderna, contrordine da specialisti di tutto il pianeta

Milano, 1 set. (AdnKronos Salute) - Quello che sapevamo sull'aterosclerosi viene messo in discussione dalle mummie. La malattia cardiovascolare, che è una delle principali cause di morte nel mondo, non è legata solo alle conseguenze della vita moderna (obesità, vita sedentaria, fumo e cattiva alimentazione) come si pensava, ma era già presente nell'antichità. Già tra gli antichi Egizi.

La scoperta - riportata dal 'Guardian' - si deve a Greg Thomas dell'università della California e Adel Allam dell'ateneo del Cairo, due cardiologi che nel 2008 visitarono il Museo egizio della città delle piramidi scoprendo che il faraone Merneptah, morto oltre 3.000 anni fa, secondo la descrizione risultava affetto da aterosclerosi. I due pensarono a un errore e, spinti da curiosità, riuscirono a ottenere il permesso per la scansione tridimensionale ai raggi X di alcune mummie. E dovettero ricredersi.

Da allora una dozzina di ricercatori di tutto il mondo ha analizzato oltre 130 corpi di diverse aree geografiche in quello conosciuto come 'studio Horus', evidenziando come l'inspessimento delle arterie fosse presente già millenni fa - in percentuali simili a quelle registrate nella società moderna, pari a circa il 40% - nelle popolazioni di tutto il pianeta. Dall'Egitto al Perù, dalla Mongolia alle Americhe, fino alle isole più remote del Pacifico.

L'ipotesi più accreditata, secondo il gruppo di studio, è che nell'antichità la presenza di infiammazioni croniche indebolisse il sistema cardiocircolatorio. Altro fattore di rischio sarebbero stati i fuochi utilizzati per cucinare, scaldarsi o per l'illuminazione.

In questo momento, tuttavia, mancano le risposte definitive sulle cause. Ottimista Thomas: "Penso che ci sia qualcosa che ci eravamo persi e che potrebbe cambiare la nostra conoscenza della malattia - commenta - Sono entusiasta, possiamo davvero fare la differenza".

Si tratta infatti di una ricerca in divenire: negli ultimi due anni gli scienziati sono stati nella foresta boliviana per scansionare i membri della tribù Tsimane, un popolo di raccoglitori e cacciatori tuttora esistente. In questo momento il gruppo di studio sta invece analizzando i cadaveri rivenuti in Mongolia, poi sarà la volta delle mummie del Museo Neues di Berlino. Tutte popolazioni con uno stile di vita simile, in cui si andrà a misurare la presenza di aterosclerosi.

1 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us