Salute

Ricerca: miele antibatterico, promessa contro infezioni urinarie in corsia

In soluzione acquosa potrebbe essere usato per 'disinfettare' i cateteri, l'ipotesi da studio Gb

Milano, 27 set. (AdnKronos Salute) - Una cura 'dolce' si profila all'orizzonte contro le infezioni urinarie che minacciano i pazienti ricoverati in ospedale. In futuro, una soluzione di miele diluito in acqua potrebbe essere utilizzata come arma per evitare pericolose formazioni batteriche nei tubicini di plastica dei dispositivi drenanti. E' l'ipotesi avanzata da un gruppo di ricercatori inglesi dell'università di Southampton, autori di uno studio pubblicato sul 'Journal of Clinical Pathology'. Il lavoro è stato condotto in laboratorio ed è ancora molto presto per pensare a un'applicazione clinica del miele in corsia, precisano gli esperti che tuttavia definiscono "entusiasmanti" i risultati ottenuti.

Bashir Lwaleed e colleghi hanno osservato che un mix miele-acqua anche molto diluito (al 3,3%) è in grado di impedire a comuni batteri responsabili di infezioni urinarie - come l'Escherichia coli o il Proteus mirabilis - di organizzarsi in assetto biofilm, formazioni infettive particolarmente resistenti e difficili da rimuovere dai dispositivi medicali. L'idea del team britannico, quindi, è che un 'cocktail' acquoso di miele possa essere impiegato per lavare i cateteri mentre sono inseriti in vescica, dribblando fastidiose complicanze nosocomiali.

Per il loro esperimento - riferisce la Bbc online - i ricercatori di Southampton hanno scelto il miele di Manuka, varietà scura prodotta in Australia e in Nuova Zelanda, nota per le sue virtù antisettiche. Gli scienziati sostengono tuttavia che anche altri tipi di miele potrebbero funzionare, pur non essendo ancora state testate. "Nessuno può sapere esattamente come e perché il miele agisca come un antibatterico - dice Lwaleed - E al momento non sappiamo ancora quanto possa essere tollerato all'interno della vescica". Serviranno numerosi trial clinici per accertarlo, ma le ragioni per battere questa strada ci sono.

27 settembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us