Salute

Ricerca: la fame rende aggressivi, nutrizionista spiega perché

Roma, 22 lug. (AdnKronos Salute) - Fame uguale aggressività. Non sempre, ma spesso. Chi non ha mai provato un po' di nervosismo a stomaco vuoto? La spiegazione della cosiddetta 'hangry' (ironica unione delle parole inglesi 'hungry' affamato, e 'angry' arrabbiato) "risiede in alcuni dei processi che avvengono all'interno del nostro corpo quando si ha bisogno di cibo". A spiegarlo è Amanda Salis, Senior Research Fellow al Boden Institute of Obesity, Nutrition, Exercise & Eating Disorders della University of Sydney, in un articolo ripreso su 'IflScience.com'.

"I carboidrati, le proteine, i grassi e ogni nutriente che mangiamo - ricorda la ricercatrice - vengono digeriti in zuccheri semplici (come il glucosio), aminoacidi e acidi grassi. Passano poi nel flusso sanguigno, da dove vengono distribuiti a organi e tessuti e utilizzati per produrre energia. Con il passare del tempo dopo l'ultimo pasto, la quantità di questi nutrienti che circolano nel sangue inizia a ridursi. Se i livelli di glucosio nel sangue si riducono troppo, il cervello percepisce questa come una situazione di pericolo di vita".

"A differenza di molti altri organi e tessuti, che possono utilizzare una varietà di sostanze nutritive per mantenersi in funzionamento - dice Salis - il cervello è strettamente dipendente dal glucosio per svolgere il suo lavoro. E si nota: cose semplici possono diventare difficili da fare quando si ha fame, si fanno errori stupidi, i movimenti sono lenti e anche le parole possono diventare confuse. E, appunto, è difficile anche sopportare gli altri ed essere socialmente corretti".

Ad amplificare "l'effetto 'hangry' c'è anche la produzione di adrenalina, che avviene quando i livelli di glucosio nel sangue scendono sotto una certa soglia, per cui il cervello invia istruzioni ai vari organi per sintetizzare e rilasciare ormoni che aumentano la quantità di glucosio nel sangue. E siccome l'adrenalina è uno dei principali ormoni rilasciati nel flusso sanguigno come risposta a una minaccia, che porta ad aggressività, questo può accadere anche quando si ha fame", conclude.

22 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us