Salute

Ricerca: la cultura finanzia la scienza, al via le Prove aperte alla Scala

Nel 2015 devoluti in beneficenza 126 mila euro, quest'anno 4 appuntamenti e anteprima gratis

Milano, 28 set. (AdnKronos Salute) - Sarà destinato alla ricerca scientifica l'incasso delle Prove aperte della Filarmonica della Scala, che quest'anno ha individuato 4 centri d'eccellenza milanesi da finanziare. Sono le Fondazioni dell'Istituto europeo di oncologia (Ieo), dell'Irccs Istituto neurologico Carlo Besta, dell'Irccs ospedale San Raffaele e dell'Irccs Istituto nazionale tumori: "Punti di riferimento a livello internazionale", li definisce il sindaco Giuliano Pisapia durante la presentazione dell'iniziativa oggi a Milano, sottolineando la volontà dei partner del progetto (Teatro della Scala, Comune di Milano, Unicredit con il sostegno della Unicredit Foundation) di "mettere insieme ricerca milanese e cultura".

Le Prove aperte, quest'anno alla settima edizione, sono 5 appuntamenti - il primo gratuito, gli altri 4 dedicati a ciascun Irccs - rivolti a tutti, a prezzi ridotti e con la possibilità di assistere alla 'cucina' del concerto. Una vera e propria stagione indipendente con ogni concerto introdotto dal dialogo tra il direttore d'orchestra e un critico musicale. L'anteprima gratuita sarà domenica 8 novembre alle 19.30, mentre le altre serate sono in programma il 17 gennaio, il 14 febbraio, il 6 marzo e il 10 aprile, sempre alla stessa ora. Nel 2015 l'iniziativa ha registrato il tutto esaurito con 9.600 spettatori e un importo devoluto di oltre 126 mila euro.

Ernesto Schiavi, direttore artistico della Filarmonica, ricorda: "E' un'iniziativa che abbiamo intrapreso in modo assolutamente sporadico nell''84, ma negli ultimi anni il consolidamento nell'organizzazione del sociale ha fatto sì che siamo arrivati a questo punto". Per il direttore della Ricerca Ieo Giuseppe Pelicci, l'iniziativa è "straordinaria e commovente", oltre che per la finalità benefica, anche perché "dà a tutti la possibilità di accedere alla 'cucina' del concerto", spiega lo scienziato all'AdnKronos Salute.

I 4 istituti scelti dedicheranno le risorse a progetti precisi. Il San Raffaele si concentrerà sulla medicina rigenerativa per studiare possibili terapie che restituiscano la struttura originaria ai tessuti nervosi danneggiati a causa di ictus, sclerosi multipla e traumi del midollo spinale. Il Besta si dedicherà invece alla distrofia muscolare di Duchenne, che colpisce i bambini attorno ai 12 anni indebolendo la muscolatura e portando a morte per complicanze cardiache o respiratorie intorno ai 30 anni.

"Il progetto che abbiamo scelto riguarda la medicina preventiva e predittiva e si occupa di studiare alcuni meccanismi genetici ed epigenetici che sono alla base del carcinoma mammario giovanile, quello cioè che colpisce le donne prima dei 35 anni senza familiarità - precisa Cecilia Melani della direzione scientifica dell'Int - Questo tipo di neoplasie ha uno sviluppo particolare ed è molto importante individuare gli eventuali geni responsabili, ma anche i meccanismi che lo regolano.

Sapere se questo tumore è sporadico oppure ha una familiarità impatta sulla vita non solo delle persone che ne sono affette, ma anche su quella delle loro figlie e delle generazioni future".

L'Ieo lavorerà invece sull'epigenoma, "un involucro che sta intorno al Dna - ricorda Pelicci - che serve a ricevere segnali dall'ambiente esterno, cui si adatta. Anche i tumori si adattano all'ambiente in cui nascono e lo fanno bene, tanto che vincono sui tessuti normali. Se noi potessimo modificare l'epigenoma, potremo impedire al tumore di adattarsi e quindi farlo regredire". Il cancro studiato è la leucemia mieloide acuta, un tumore del sangue, che nel 70% dei pazienti si ripresenta nei 5 anni successivi alla chemioterapia.

28 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us