Salute

Ricerca: l'australopiteco Lucy morì cadendo da un albero

Roma, 29 ago. (AdnKronos Salute) - Il celebre australopiteco Lucy, il più famoso fossile di un antico antenato dell'uomo, con grande probabilità morì dopo essere caduta da un albero. A chiudere questo 'cold case' è uno studio condotto da ricercatori dell'università del Texas a Austin, pubblicato su 'Nature'. Lucy, una femmina di Australopithecus afarensis vissuta 3.18 milioni di anni fa, è tra i più antichi e completi scheletri, giunti fino a noi, di un ominide adulto che camminava eretto. Dal momento della sua scoperta nella regione di Afar in Etiopia (nel 1974) da parte dell'antropologo dell'Arizona State University Donald Johanson, Lucy è stata al centro di un acceso dibattito sul fatto che questa antica specie trascorresse del tempo anche sugli alberi.

"E' ironico che il fossile al centro di un dibattito sul ruolo della vita sugli alberi nell'evoluzione umana probabilmente sia morto per le ferite subite per una caduta da un albero", commenta l'autore della ricerca, John Kappelman. Lo scienziato aveva studiato per la prima volta Lucy durante un tour nel 2008, sottoponendo lo scheletro a una scannerizzazione completa per creare un archivio digitale. Così l'antropologo notò che l'omero destro di Lucy presentava delle fratture insolite. Un tipo di lesioni che si ottengono quando "una mano tocca il terreno durante una caduta dall'alto".

Così Kappelman ha deciso di indagare, consultando Stephen Pearce, un chirurgo ortopedico dell'Austin Bone Joint Clinic, e usando oltre agli esami anche un modello dei resti di Lucy stampato in 3 D. Pearce ha confermato i sospetti del 'collega': la lesione era coerente con una frattura dell'omero causata dalla caduta da un'altezza considerevole, un episodio durante il quale la vittima, consapevole di ciò che le stava accadendo, aveva allungato un braccio nel tentativo di interrompere la caduta.

L'antropologo ha osservato fratture simili ma meno gravi nella spalla sinistra di Lucy, e altre lesioni a livello della caviglia destra, del ginocchio sinistro e della pelvi, oltre alle tracce di una frattura della prima costola. Tutti elementi coerenti con una caduta. Lesioni che non presentano segni di riparazione, dunque l'esperto ha concluso che i traumi si verificarono intorno al momento della morte. Insomma, Lucy sarebbe caduta da un albero alto, dove probabilmente si rifugiava per la notte.

30 agosto 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us