Salute

Ricerca: il naso lo disegna il Dna, ecco i 4 geni 'scultori'

Milano, 19 mag. (AdnKronos Salute) - Alla francese, a patata, greco, aquilino, afro. Ogni faccia ha il suo naso e la fantasia di madre natura non sembra avere limiti quando si tratta di disegnarne la foggia. La gamma delle forme appare pressoché infinita e affonda le sue radici nel Dna. In particolare in 4 geni 'scultori' scoperti in uno studio pubblicato su 'Nature Communications', condotto da un gruppo di scienziati dell'University College di Londra (Ucl). I mattoncini del genoma che decidono lunghezza, larghezza, curvatura, ampiezza della base, apertura delle narici, dolcezza o asprezza della punta si chiamano GLI3, DCHS2, PAX1 E RUNX2. Ciascuno ha il suo compito e tutti insieme cesellano la struttura della parte. Croce o delizia di un volto, vanto o complesso di una vita.

Il gruppo di ricercatori, primo autore Kaustubh Adhikari dell'Ucl Cell & Developmental Biology, ha raccolto e analizzato campioni di Dna prelevati da 6.630 volontari della coorte 'Candela' reclutata in Brasile, Colombia, Cile, Messico e Perù. Latino-americana la cittadinanza, variegata l'origine: europea (50%), nativa americana (45%) o africana (5%). Uomini e donne sono stati valutati sulla base di 14 diversi tratti del viso e l'esame dell'intero genoma ha permesso di individuare i geni che decidono dell'aspetto finale. Per un sottogruppo di 3 mila persone sono state utilizzate anche tecniche di ricostruzione in 3D, che hanno permesso di riprodurre modelli tridimensionali utili a effettuare le varie misurazioni.

Gli studiosi hanno così stabilito nel dettaglio gli incarichi dei geni-scultori: tutti sono associati ai processi di crescita della cartilagine del naso, ma GLI3 e PAX1 sono specializzati nell'allargare o restringere le narici; DCHS2 nell'appuntire più o meno la parte finale, mentre RUNX2 guida lo sviluppo dell'osso definendo la larghezza o la sottigliezza del 'ponte', la parte dura centrale. Ancora: GLI3, DCHS2 e RUNX2 mostrano forti segnali di una selezione recente nell'uomo moderno, rispetto ad 'antenati' più antichi come il Neanderthal o l'uomo di Denisova. Oltre alle 4 porzioni di Dna che decretano la forma del naso, il team inglese ha identificato anche un quinto gene - EDAR - dal quale dipende il grado di protrusione del mento.

"Pochi studi hanno esaminato il modo in cui i normali tratti di un viso si sviluppano - spiega Adhikari - e quelli che lo hanno fatto si sono concentrati esclusivamente sulle popolazioni europee", o comunque su "campioni con gradi di diversità inferiori rispetto a quello considerato in questa ricerca. Ciò che abbiamo trovato - precisa lo scienziato - sono specifici geni che influenzano la forma e le dimensioni dei vari elementi, un risultato mai raggiunto finora".

"Capire il ruolo che ogni gene gioca - aggiunge il ricercatore - ci può aiutare per esempio a ricostruire il percorso evolutivo dall'uomo di Neanderthal a quello moderno". Non solo: "Ci avvicina alla comprensione di come i geni influenzano il nostro aspetto, un elemento importante nella pratica forense".

"A lungo si è ipotizzato che la forma del naso riflette l'ambiente in cui gli esseri umani si sono evoluti - commenta Andrés Ruiz-Linares dell'Ucl Biosciences, coordinatore dell'indagine - Per esempio, è stato suggerito che il naso relativamente stretto degli europei derivi dall'adattamento a un clima freddo e asciutto. Avere identificato i geni che regolano la forma del naso ci fornisce ora nuovi strumenti attraverso i quali analizzare la questione, così come l'evoluzione della faccia in altre specie. Infine, può contribuire a farci capire che cosa va storto in malattie genetiche associate ad anomalie del volto".

19 maggio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us