Salute

Ricerca: i ricordi persi per l'Alzheimer potrebbero essere recuperati

Indagine su modello animale promettente per future tecnologie

Roma, 17 mar. (AdnKronos Salute) - I ricordi perduti a causa dell'Alzheimer potrebbero essere in teoria recuperati, stimolando le cellule nervose a produrre nuove connessioni. E' quanto sostengono i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (Mit), guidati da Susumu Tonegawa, che hanno condotto uno studio sui topi che apre le porte alla futura possibilità di invertire, nell'uomo, la perdita di memoria nelle prime fasi della malattia. Anche se è ancora presto per esserne certi.

La ricerca, pubblicata sulla rivista 'Nature', si è focalizzata sulle cellule della memoria nella regione cerebrale dell'ippocampo, precedentemente identificate dallo stesso team di studiosi.

Gli scienziati hanno usato una tecnica chiamata opto-genetica che utilizza la luce per attivare le cellule 'etichettate' con una speciale proteina fotosensibile. Il sistema è stato testato su animali con sintomi di Alzheimer che avevano rapidamente dimenticato l'esperienza di aver ricevuto una lieve scossa elettrica alle zampe.

Dopo che alcune cellule 'taggate' nei cervelli delle cavie sono state stimolate con la luce, il loro ricordo è tornato: hanno di nuovo avuto una reazione di paura quando venivano trasportati nella zona dove avevano subito la scossa elettrica. Il trattamento di opto-genetica ha infatti aiutato i neuroni a far ricrescere dei piccoli 'germogli', chiamati spine dendritiche, che formano nuove connessioni sinaptiche con le altre cellule.

Tonegawa spiega l'affascinante senso di questa indagine, seppur preliminare: "Il punto importante è che questo fornisce una 'prova di concetto' secondo cui, anche se un ricordo sembra essersene andato, in realtà è ancora lì. La questione è come recuperarlo. E' possibile che in futuro venga sviluppata una tecnologia per attivare o disattivare le cellule in profondità all'interno del cervello umano, nell'ippocampo o nella corteccia entorinale, con maggiore precisione ed efficacia. Sta di fatto che la ricerca di base condotta in questo studio fornisce informazioni sulle popolazioni di cellule a cui si potrebbe mirare, un elemento fondamentale per i trattamenti e le tecnologie future", conclude l'esperto.

17 marzo 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us