Salute

Ricerca: i cacciatori di zanzare, studi e trappole per battere malaria

Milano, 30 dic. (AdnKronos Salute) - Trappole sofisticate per catturare solo le zanzare gravide o in cerca di 'ospiti' per deporre le uova. Ma anche studi sui gusti di questi insetti e sulle loro predilezioni per peculiari gruppi sanguigni o categorie di persone. Sono solo alcuni dei filoni di ricerca su cui lavorano alla Sapienza di Roma i 'cacciatori di zanzare': parassitologi impegnati da anni nella lotta alla malaria, convinti che la strada giusta parta proprio dagli insetti succhia-sangue.

"Il lavoro sulle zanzare all'Istituto di parassitologia della Sapienza risale agli anni '50. Oggi i gruppi di lavoro si sono differenziati: ci sono team che studiano la biologia molecolare del vettore, altri le caratteristiche delle ghiandole salivari e della stessa saliva delle zanzare, per identificare i marcatori spia dell'esposizione delle persone alla malaria", spiega all'AdnKronos Marco Pombi, ricercatore Sezione parassitologia del Dipartimento di sanità pubblica e malattie infettive della Sapienza di Roma.

"Noi, in particolare, ci occupiamo del monitoraggio e del controllo dei vettori della malaria. Per questo cerchiamo di capire quali sono le trappole più efficaci per 'catturare' specifiche popolazioni di zanzare e condurre studi mirati. Ad esempio - dice Pombi - sulle loro preferenze per l'uomo o per gli animali, ma anche sulla diffusione delle diverse specie nei vari periodi dell'anno o sui 'gusti' rispetto a determinate categorie di soggetti".

Per le zanzare, infatti, non siamo tutti uguali, come sa bene chi viene punto con frequenza: alcune persone sembrano 'snobbate' da questi insetti. Ebbene, il segreto sta nella pelle. "Si è visto che la pelle di alcuni soggetti - sottolinea Pombi - ospitano determinati batteri responsabili di emissioni odorose che attirano, o al contrario respingono, le zanzare portatrici della malaria".

Questi insetti prediligono anche "determinati gruppi sanguigni, ma anche persone con la temperatura della pelle elevata". Si è visto anche che le persone infettate dal plasmodio attirano di più gli insetti rispetto a quelle infettate e sottoposte al trattamento anti-malaria, precisa il ricercatore.

E se all'estero si lavora sul Dna delle zanzare, puntando a trasformarle in armi capaci di diffondere la sterilità fra questi vettori della malaria, le ricerche ambientali indagano diverse vie.

"Ci concentriamo sulle trappole anche per rilevare l'attività delle zanzare all'esterno delle abitazioni - continua il ricercatore - dal momento che l'uso di zanzariere impregnate di insetticida ormai permette di controllare la presenza di questi nemici in casa, nei Paesi più colpiti".

Importante anche lo studio a livello locale dei focolai larvali: "In Camerun - ricorda Pombi - abbiamo visto che questi focolai nel tempo sono cambiati, e che le zanzare si sono adattate a 'colonizzare' sedi diverse, anche inquinate".

Occorrono 15 giorni per arrivare da un uovo a un adulto in grado di pungere. "Ebbene, nel corso delle varie generazioni le zanzare hanno mostrato una particolare capacità di adattarsi a condizioni ambientali diverse, tipiche della vita urbana. Sono nemici versatili e flessibili, ecco perché la ricerca esplora sempre nuove strade per contrastarle".

30 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us