Salute

Ricerca: europei preistorici intolleranti a lattosio anche dopo 'scoperta' allevamenti

Lo sono rimasti per 5mila anni, studio su Dna di 13 scheletri

Roma, 21 ott. (AdnKronos Salute) - L'analisi del Dna delle ossa del cranio degli antichi europei ha dimostrato che sono rimasti intolleranti al lattosio, lo zucchero più abbondante nel latte, per 5.000 anni dopo l'adozione di pratiche agricole e per 4 mila anni dopo lo sviluppo delle conoscenze per la produzione di prodotti caseari tra i contadini europei. Insomma allevavo mucche e capre ma non digerivano il lattosio. A stabilirlo è una ricerca pubblicata su 'Nature Communications' firmata dall'University College di Dublino.

I ricercatori hanno analizzato il Dna estratto dai resti di tredici scheletri, in particolare da una zona dell'orecchio interno ben protetta dai danni esterni, che ha quindi permesso di estrapolare diversi marcatori tra cui anche quelli per il lattosio. Gli scheletri, che risalgono al 5.700 a.C. (Neolitico antico) e all'800 a.C. (Età del ferro), erano sepolti in un sito archeologico in Ungheria, una zona conosciuta per essere stata il crocevia di diversi flussi migratori nella Preistoria.

"I nostri risultati mostrano un aumento della pigmentazione più chiara della pelle - spiega Ron Pinhasi, autore dello studio - ma sorprendentemente nessuna presenza di un incremento della tolleranza o della presenza di lattosio. Questo significa - prosegue - che gli antichi europei pur avendo animali domestici come mucche, capre e pecore non avevano ancora sviluppato, a livello genetico, una ampia tolleranza nel consumo di grandi quantità del latte di questi animali".

21 ottobre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us