Salute

Ricerca: essere liberal rende felici, studio su parole e foto della politica

Nuovo lavoro smentisce studi precedenti, conservatori tendono a dipingersi più gioiosi di quanto non siano

Milano, 13 mar. (AdnKronos Salute) - Liberali e felici. Militare nell'area della 'sinistra-dem' fa bene all'umore. Così almeno sembrerebbe a giudicare dalla condotta dei componenti del Congresso Usa e in generale delle persone che hanno sposato questo orientamento politico. Le espressioni facciali immortalate nelle foto e i modelli di discorso adottati non mentono: la palma del politico più felice va a loro, ai liberal. E non ai conservatori che invece uscivano vincitori da precedenti studi, basati però su informazioni e sentimenti autoriferiti.

E' la conclusione a cui approda una ricerca pubblicata su 'Science' e condotta da un team di psicologi dell'University of California - Irvine (Uci) che hanno passato al setaccio milioni di parole nelle trascrizioni dei discorsi del Congresso e le fotografie di tutti i membri del 'parlamento' a stelle e strisce, così come 47 mila tweet e quasi 500 foto ricavate da Linkedin. Secondo l'analisi, i politici liberal mostrano una maggiore felicità, a giudicare dai loro modi di agire. In barba alle ricerche in cui dall'ala della destra dichiaravano di esserlo di più. "Il cosiddetto 'gap di felicità' fra liberali e conservatori - spiega l'autore principale dello studio, Sean Wojcik - è più complicato di quanto pensassimo. Gli studi che dipingono i conservatori come più gioiosi sono basati su dichiarazioni personali circa la propria felicità. Queste, come le affermazioni sulla propria intelligenza e buon costume, possono essere gonfiate per il desiderio di mettere se stessi sotto una luce positiva".

La gente, continua l'esperto, "tende a descrivere i propri tratti caratteriali e abilità in modo troppo favorevole. Se si chiede a una persona di giudicare se stessa su un set di aspetti positivi - intelligenza, qualità sociali, capacità di guida - la maggior parte si dà un voto sopra la media. E abbiamo osservato che questo effetto è più forte fra i conservatori che fra i liberali".

Gli scienziati, piuttosto che usare la logica degli studi basati sul benessere soggettivo secondo cui il modo per sapere se qualcuno è felice è semplicemente chiederglielo, hanno deciso di guardare alle azioni e ai comportamenti che esprimono felicità. Il team di ricercatori ha dunque deciso di guardare a fonti di dati di massa: partecipanti a sondaggi online, politici americani, utenti di Twitter e Linkedin collegati a compagnie e organizzazioni con una visione liberal o con un punto di vista conservatore. Secondo i risultati, i liberali impiegano un linguaggio positivo ed emozionale e sorridono più intensamente e sinceramente nelle foto.

"Siamo rimasti sorpresi da quanto un comportamento felice fosse predittivo dell'avere un'ideologia politica liberal", conclude Wojcik.

13 marzo 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us