Salute

Ricerca: Corte Giustizia Ue, no a cosmetici testati su animali

Bruxelles, 21 set. (AdnKronos Salute) - No ai cosmetici testati sugli animali. Secondo una sentenza emanata oggi dalla Corte di Giustizia dell'Ue, può essere vietata l'immissione sul mercato dell'Unione di prodotti cosmetici alcuni ingredienti dei quali sono stati oggetto di sperimentazioni animali al di fuori dall'Ue per consentire la commercializzazione di tali prodotti in Paesi terzi, se i dati risultanti dalle sperimentazioni sono utilizzati per dimostrare la sicurezza dei prodotti per immetterli sul mercato europeo.

La European Federation for Cosmetic Ingredients (Effci) è un'associazione di categoria che rappresenta i fabbricanti di ingredienti impiegati nei prodotti cosmetici all'interno dell'Unione europea. Tre membri dell'associazione hanno effettuato sperimentazioni animali al di fuori dell'Unione, affinché certi prodotti cosmetici potessero essere venduti in Cina e in Giappone. L'Effci si è rivolta il giudice britannico per accertare se le tre società interessate potessero essere sanzionate penalmente, in caso di immissione sul mercato del Regno Unito di prodotti cosmetici contenenti ingredienti sottoposti a tali sperimentazioni animali.

Il regolamento sui prodotti cosmetici vieta la commercializzazione di prodotti i cui ingredienti siano stati oggetto di una sperimentazione animale. Secondo il regolamento, il prodotto cosmetico deve essere sicuro per la salute umana, e la sua sicurezza deve essere valutata sulla base di informazioni pertinenti ed essere oggetto di una relazione, inclusa nella documentazione informativa sul prodotto. Secondo l'Effci, quando le sperimentazioni animali sono state effettuate allo scopo di conformarsi alle normative di Paesi terzi, il regolamento non viene violato.

Investita della controversia, la High Court of Justice (England & Wales), Queen's Bench Division (Administrative Court), cioè l'Alta Corte di giustizia (Inghilterra e Galles), divisione del Queen's Bench (Sezione per questioni di diritto amministrativo), nel Regno Unito, si è rivolta alla Corte di Giustizia Ue. Nella sentenza, la Corte esamina se i termini "allo scopo di conformarsi alle disposizioni del regolamento" possano riferirsi a sperimentazioni animali quali quelle effettuate nella causa in questione.

Secondo la Corte, il regolamento punta a determinare le condizioni di accesso al mercato dell'Unione per i prodotti cosmetici e ad assicurare un livello elevato di protezione della salute umana, vegliando al contempo sul benessere degli animali, vietando le sperimentazioni animali. L'accesso al mercato dell'Unione è subordinato all'osservanza del divieto di ricorrere alla sperimentazione animale. Per la Corte, solo i risultati delle sperimentazioni animali invocati nella relazione sulla sicurezza del prodotto cosmetico possono essere considerati attinenti a sperimentazioni effettuate allo scopo di conformarsi alle disposizioni del regolamento. E' quindi irrilevante la circostanza che le sperimentazioni animali siano state richieste per permettere la commercializzazione del prodotto in altri Paesi.

La Corte precisa poi che il diritto dell'Unione non opera alcuna distinzione in base al luogo in cui è stata effettuata la sperimentazione animale. Il regolamento cerca di promuovere un utilizzo di metodi alternativi che non comportino l'impiego di animali per garantire la sicurezza dei prodotti cosmetici. La realizzazione di tale obiettivo, osserva la Corte di Giustizia, sarebbe "notevolmente compromessa" se fosse possibile eludere i divieti previsti dal diritto dell'Unione effettuando le sperimentazioni animali in altri Paesi.

21 settembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us