Salute

Ricerca: Commissione Ue rigetta petizione stop vivisezione

Non ci sono evidenze scientifiche che invalidano modello animale. Per Lav è occasione mancata

Roma, 3 giu. (AdnKronos Salute) - La Commissione europea ha rigettato la petizione popolare, oltre 1 milione e 173 mila le firme raccolte tra Spagna, Italia, Polonia, Ungheria, Slovacchia, Germania, Slovenia, Francia, Finlandia, che chiedeva di bandire la vivisezione dall’Unione europea. La Commissione "condivide la convinzione alla base dell'iniziativa dei cittadini, ossia che la sperimentazione sugli animali debba essere gradualmente abolita, e di fatto questo è l'obiettivo ultimo della legislazione unionale. Non concorda - riportano gli esperti nella comunicazione della Commissione Ue - tuttavia sull'esistenza di evidenze scientifiche che invalidano il modello animale: malgrado le differenze con gli esseri umani, è soprattutto grazie ai modelli animali che è stato possibile trovare quasi tutte le cure mediche e le misure di prevenzione di cui disponiamo oggi per trattare con efficacia e in sicurezza le malattie dell'uomo e degli animali".

"La Commissione ha avuto paura di dover abrogare o modificare la direttiva sulla vivisezione - commenta in una nota la Lega anti vivisezione (Lav) - Si tratta di un’occasione mancata che poteva dare le gambe a una ricerca innovativa e poteva - aggiungono gli animalisti - portare speranza, non solo agli animali che ogni giorno subiscono violenze e morte nei laboratori, ma anche ai malati che aspettano una cura, e ai cittadini che troppo spesso rimangono delusi da Istituzioni in mano a lobby economiche o di potere".

Entro la fine del 2016 la Commissione organizzerà una conferenza che vedrà la partecipazione della comunità scientifica e dei portatori d’interesse, e in tale occasione si propone di presentare una relazione sullo stato d’avanzamento delle azioni intraprese. La petizione era stata supportata da numerose organizzazioni europee tra cui Animal Amnesty, Wwf, Lav, Animalisti Italiani, la Lega Nazionale per la Difesa del Cane L'annuncio della Commissione di una conferenza sul tema "è l'unica nota positiva", commenta la Lav.

La Commissione è del parere che "la sperimentazione animale non costituisca un freno allo sviluppo di strumenti di ricerca alternativi; anzi, ritiene che l'uso degli animali nella ricerca offra una comprensione meccanicistica della biologia degli animali e degli esseri umani che permette di elaborare metodi alternativi più etici, efficienti in termini di costi, predittivi e rapidi. Riconosce i limiti sia dei modelli animali sia degli approcci alternativi, perciò segue da vicino e sostiene l'attività tesa a migliorare i metodi predittivi".

"Oggi - riporta il parere - i processi di sviluppo di nuovi farmaci, la ricerca di base e la sperimentazione della sicurezza delle sostanze con metodi predittivi non si basano esclusivamente su modelli animali: il principio guida in tutte le aree di ricerca è la forza probante dell'insieme delle conoscenze ricavate dagli studi alternativi, dalla sperimentazione animale e dall'esposizione umana.

La maggior parte della legislazione dell'Ue in materia di sperimentazione - conclude il documento- contiene l'obbligo di utilizzare, previa convalida, metodi alternativi attendibili".

3 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us