Salute

Ricerca: cavalli e uomini hanno espressioni facciali simili

Roma, 6 ago. (AdnKronos Salute) - Musi o visi? A sorpresa una ricerca dell'università del Sussex ha scoperto che i cavalli condividono alcune espressioni facciali sorprendentemente simili agli scimpanzé, ma soprattutto agli uomini. I ricercatori specializzati in comunicazione dei mammiferi hanno dimostrato che, come gli esseri umani, i cavalli usano muscoli sottostanti i vari tratti del viso - tra le narici, le labbra e gli occhi - per modificare le loro espressioni facciali in una varietà di situazioni sociali. I risultati, pubblicati su Plos One, suggeriscono dunque percorsi evolutivi simili fra specie diverse nel modo in cui il volto è utilizzato per la comunicazione.

Lo studio si basa su uno speciale sistema di codifica in grado di identificare le diverse espressioni facciali individuali sulla base del movimento muscolare sottostante. L''Equine Facial Action Coding System', ideato dal team del Sussex, in collaborazione con ricercatori dell'Università di Portsmouth e della Duquesne University, ha identificato 17 unità d'azione (movimenti facciali) nei cavalli. Gli uomini ne hanno 27, gli scimpanzé 13 e i cani 16.

Il co-autore dello studio Jennifer Wathan spiega: "I cavalli sono animali che usano prevalentemente gli occhi, hanno una vista migliore dei gatti, ma il loro impiego delle espressioni facciali era stato largamente trascurato. Ci ha sorpreso invece quanto sia ricco il repertorio di complessi movimenti facciali nei cavalli, e quanto siano simili a quelli degli esseri umani. Nonostante le differenze di struttura, siamo stati in grado di identificare alcune espressioni che si somigliano in relazione ai movimenti delle labbra e degli occhi. Quello che faremo adesso è esaminare se e come queste espressioni si riferiscano a stati emotivi".

6 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us