Salute

Quali sono i deliri più frequenti al mondo (e che cosa sono i deliri)?

Un'analisi di oltre 100 studi sul tema ha stilato la classifica dei deliri più diffusi al mondo: non variano in modo sostanziale da Paese a Paese, ma c'è qualche differenza.

Un'analisi pubblicata su Clinical Psychology Review ha passato in rassegna 123 studi per determinare quali fossero i deliri più comuni al mondo e se fossero influenzati dal livello di reddito, dalla disuguaglianza o dalla religiosità delle popolazioni dei 30 Paesi considerati. È emerso che la tipologia di idee deliranti sono simili nei diversi Stati analizzati, a prescindere dalle differenze culturali.

Cos’è un delirio?

Il delirio è un disturbo del pensiero, un'idea errata che una persona mantiene in modo patologico e senza possibilità di essere convinta con la logica. Il delirio è sintomo di altre malattie, come la schizofrenia, il disturbo bipolare o la depressione grave. Il disturbo delirante, invece, può apparire da solo e si manifesta solo tramite allucinazioni.

La scala dei deliri. Il delirio più frequente al mondo è quello persecutorio, che colpisce il 64,5% delle oltre 10.000 persone incluse nella ricerca: chi è affetto da questa patologia ha sempre la sensazione di essere seguito da qualcuno; al secondo posto (una persona può soffrire di diversi deliri contemporaneamente) il delirio di riferimento (ne è affetto il 39,7% della popolazione), il credere che fatti o oggetti casuali – libri, testi di canzoni, giornali – abbiano un riferimento importante e spesso negativo riguardante se stessi; al terzo posto (28,2%) i deliri di grandezza, ovvero la sopravvalutazione di sé (alcuni arrivano a pensare di essere grandi leader o artisti); oltre una persone su cinque (il 21,6%) soffre di delirio di controllo, che si basa sull'idea che i nostri sentimenti, impulsi o pensieri siano controllati da una forza esterna; infine, al quinto posto (18,3%), troviamo il delirio religioso: chi ne è colpito crede di avere una comunicazione diretta con Dio o pensa di avere una missione salvifica.

Redditi e religione. Gli autori sottolineano che i risultati non hanno evidenziato differenze in funzione della prevalenza dell'ateismo, tuttavia è emerso che i deliri religiosi e di controllo sono più frequenti nei Paesi in cui vi è una maggiore disuguaglianza di reddito nella popolazione.

Le origini dei deliri. Uno studio del professore di psichiatria dell'Università di Granada Jorge Cervilla ha rivelato che esiste una predisposizione familiare che porta allo scatenamento di questi disturbi: questa parte biologica si unisce a quella psicologica, «nella quale può influire molto l'ambiente in cui si cresce», spiega alla rivista El Español.

A prescindere però dalla presenza di una predisposizione a soffrire di questa patologia, i deliri hanno bisogno di una causa scatenante per manifestarsi: «Generalmente si tratta di stress o droghe, specialmente la cannabis», spiega Cervilla. Un altro fattore determinante è l'isolamento: stare da soli favorisce la comparsa di pensieri deliranti, e per questo è particolarmente importante prestare cura agli anziani, spesso isolati.

20 settembre 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us