Quali rischi si corrono a mangiare la carne cruda?

A causa del suo contenuto di proteine, zuccheri e grassi, la carne cruda è un terreno di coltura ideale per la crescita di batteri e parassiti. Soprattutto adesso che il caldo è arrivato.

ipa_efxmr5_1
Mangiare carne cruda, come questa tartare, anche se controllata, comporta qualche rischio. Lo spiega Focus Domande & Risposte con un numero speciale tutto dedicato al cibo e all'alimentazione.|Ipa

Le malattie più comuni sono la toxoplasmosi, la trichinellosi e le infezioni da salmonella, listeria ed Escherichia coli. Infatti, anche se la carne che consumiamo è sottoposta a molti controlli, dall’allevamento alla lavorazione, a causa del suo contenuto di proteine, zuccheri e grassi è un terreno di coltura ideale per la crescita di batteri e parassiti che possono mettere a rischio la nostra salute.

 

E ogni mese, soprattutto d'estate quando fa caldo, gli ospedali registrano decine di casi di intossicazioni dovute al consumo di carne cruda o poco cotta.

 

Occhio alle posate. Il rischio però non è uguale per tutte le carni: quella di bovino, per esempio, comporta generalmente meno rischi di quella di pollo o di suino. In ogni caso, se proprio si vuole consumare carne cruda, le autorità sanitarie consigliano di limitare al minimo l’esposizione dei cibi a temperatura ambiente prima del consumo, oltre a tenere separato tutto ciò che è crudo da ciò che è cotto, comprese le posate, il tagliere o i piatti impiegati in tavola. Insomma una fresca tartare va bene, ma con cautela.

 

 


 

Altre 250 curiosità, informazioni e risposte su cibo e alimentazione le trovi sul nuovo numero di Focus Domande & Risposte, da cui è tratto questo articolo: qui sotto, l'anteprima.

 

31 Maggio 2017