Salute

Psicologia: suoni della natura migliorano umore e performance in ufficio

La verifica in uno studio del Rensselaer Polytechnic Institute

Roma, 20 mag. (AdnKronos Salute) - Lo scroscio di cascate d'acqua, il canto di uccellini o il rumore del vento che accarezza gli alberi. Se trasmessi in filodiffusione negli uffici possono migliorare lo stati d'animo dei lavoratori, le loro performance, oltre che difendere la loro privacy quando parlano al telefono, se si trovano in un open-space. E' quanto rivela un nuovo studio condotto da ricercatori del Rensselaer Polytechnic Institute (Usa), che lo presenteranno al 169° Meeting della Acoustical Society of America, in corso a Pittsburgh.

Negli Stati Uniti un numero sempre maggiore di uffici impiega sistemi di mascheramento sonoro in modo che le parole pronunciate dai dipendenti vengano rese incomprensibili al di là di una certa distanza e le distrazioni meno fastidiose. Questi sistemi sono progettati da esperti e sono in genere installati su diffusori nascosti nel soffitto. Negli ultimi 40 anni, i suoni di mascheramento erano casuali, quasi sempre elettronici, noti anche come 'rumore bianco'.

Il team americano ha però ora verificato che segnali di mascheramento ispirati a suoni naturali potrebbero funzionare altrettanto bene, se non meglio, rispetto a quelli convenzionali. La verifica è avvenuta su 12 volontari sottoposti a varie prove, in presenza di vari stimoli sonori. E secondo gli esperti i benefici dei suoni naturali potrebbero andare al di là dell'ambiente lavorativo: si potrebbero utilizzare, ad esempio, per migliorare l'umore dei pazienti d'ospedale, bloccati nelle loro camere per giorni o settimane di fila.

20 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us