Salute

Psicologia: studio, giovani 'dark' più a rischio depressione

Gli adolescenti attratti dalla cultura 'dark' anche più esposti a bullismo e autolesionismo

Roma, 28 ago. (AdnKronos Salute) - Trucco, capelli, scarpe, abiti e anche umore rigorosamente neri. Ora gli scienziati confermano che i giovani che si identificano come 'dark' o 'gotici' corrono più rischi di depressione e autolesionismo. Il tema è stato oggetto di uno studio ad hoc, pubblicato su 'Lancet Psychiatry' e condotto su quasi 3.700 giovani di 15 anni soprattutto nella cittadina inglese di Bristol, dove la 'comunità' dark è ancora molto forte. Ma anche in Italia parecchi giovani adottano questo modo di vivere, pensare e apparire.

Il movimento 'goth' - con la sua enfasi su vestiti neri e borchiati, sui piercing, sul make up pesante anche negli uomini e soprattutto sulla musica a volte molto cupa e dai testi carichi di tristezza - è nato negli anni '70-'80 ma ha continuato ad attrarre adolescenti di per molti anni, fino a oggi. Ai fini di questa ricerca, agli adolescenti è stato chiesto quanto fortemente si identificassero con una serie di gruppi fra cui dark, sportivi, giovani di successo, skaters, vandali, eccetera. Ebbene, all'interno del campione, i giovani 'goth' sono risultati avere maggiori probabilità di autolesionismo, depressione e di essere vittima di bullismo.

I ricercatori non sanno spiegare completamente questo collegamento, ma suggeriscono che tendenza dei 'goth' di prendere le distanze dalla società potrebbe svolgere un ruolo importante nell'insorgenza del male di vivere. E anche se la stragrande maggioranza degli adolescenti con queste preferenze non avrà problemi, una minoranza importante potrebbe avere bisogno di un sostegno supplementare.

Rebecca Pearson, dell'Università di Bristol, spiega che "ci potrebbero essere molte ragioni dietro questa tendenza, compresa la possibilità che gli adolescenti stessi a rischio di depressione siano attratti dal mondo goth. La misura in cui i ragazzi si auto-identificano con la cultura goth può rappresentare quella in cui i giovani a rischio si sentono isolati, ostracizzati o stigmatizzati dalla società".

28 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us