Salute

Psicologia: psicofisionomo, americani tentati da Trump ma sceglieranno Clinton

Francesco Padrini analizza i candidati Usa, lui 'cow boy' che buca il video, lei 'frenata' ma affidabile

Milano, 8 nov. (AdnKronos Salute) - Hillary Clinton è "ambiziosa, orgogliosa, intuitiva e veloce nel pensiero ma razionale e controllata nell'esprimerlo, frenata emotivamente però strutturata e affidabile". Donald Trump è "anche lui orgoglioso, dinamico e rapido nella mente, ma estroverso ed emotivo. Un 'cow boy' solare che buca il video, un dominante che piace e tuttavia è imprevedibile". Risultato: "Gli americani sono tentati da lui, ma sceglieranno lei". Ecco in sintesi l'analisi e il pronostico dello psicologo Francesco Padrini, esperto di linguaggio del corpo, nell'Election Day che deciderà il successore di Barack Obama alla presidenza degli Stati Uniti. Lo 'psicofiosionomo' esamina per l'AdnKronos Salute i volti dei 2 candidati inquilini della Casa Bianca. Uno 'psicoidentikit' che svela, a sopresa, non pochi punti in comune fra l'ex first lady e il tycoon. "Notevoli elementi di somiglianza".

"Nel viso di entrambi - analizza Padrini - prevale l'elemento di concentrazione: significa che occhi, naso e bocca, in gergo i 'recettori', sono contenuti in un 'quadro' (il volto) ampio. Come una casa con porte e finestre piccole. Questo indica appunto concentrazione e determinazione, doti che conferiscono nel confronto a 2 la forza di un caterpillar".

Un'altra similitudine fra il repubblicano e la democratica è quella che lo specialista chiama "ritrazione laterale: guardandoli di profilo si notano cioè un'inclinazione della fronte in avanti e tempie contenute, elementi ancora più marcati in Trump che nella Clinton, spia di velocità e dinamismo mentale". Ultimo fattore in comune "la regolarità del viso: i piani dei 2 volti sono bilanciati e armonici, con un buon accordo fra pensiero e sentimento, cerebralità e affettività-socialità".

Nel modo di esprimersi, e dunque in ciò che 'arriva' agli elettori, Clinton e Trump risultano però quasi opposti. Lei, complice "un'arcata sopraccigliare marcata", spiega Padrini, è portata a "concretizzare il pensiero; capta le informazioni e le filtra con lucidità", e nel parlare tiene a bada l'istinto e "fa uscire le cose con premeditazione. Ha una struttura rigida e impettita, frenata emotivamente, dentro è guerrigliera ma sa contenersi anche nella rabbia. E' molto difficile capire se mente, e quando". D'altra parte risulta "professionale, radicata e attendibile, benché non simpatica perché non aperta al mondo emotivo".

Stando alle leggi della fisiognomica, insomma, la simpatia appartiene più a Trump: "E' il tipico americano solare, dinamico e un tempo probabilmente anche sportivo - continua lo psicologo - Lo si immagina come un cow boy, oppure un surfista pronto a cavalcare le onde della West Cost sulla sua tavola". Il suo viso "un po' gommoso" dà l'idea di "uno che cade sempre in piedi e che riesce a far tutto, o meglio che è bravo a dare l'idea di poterlo fare.

E' un attore", per certi versi "un bambino giocherellone che per esempio scherza con i capelli". Quella chioma dal colore e dalla foggia improbabili, tanto distanti dall'ossessiva impeccabilità del caschetto di lei, misurato al millimetro.

Ancora, "i rigonfiamenti sotto gli occhi di Trump indicano ricettività umorale" unita "a guizzo e mobilità". La Clinton invece appare "più statica, ferma e radicale". Totale: con i suoi "lineamenti fini e ben disegnati, su un corpo tonico", lui "è uno che piace anche alle donne", nonostante alcune sue dichiarazioni non lo abbiano decisamente aiutato a far breccia in un certo elettorato femminile. Lei invece "a quelle donne piace molto. In video buca lui, ma lei risulta più affidabile e prevedibile". Donald "l'americano", Hillary "più svizzero-tedesca": emotività ed eccessi contro razionalità e controllo. Chi avrà la meglio? Padrini sembra convinto: "Saranno tentati da lui, ma alla fine voteranno lei".

8 novembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us