Salute

Psicologia: Piano B può rivelarsi un boomerang, profezia che si autoavvera

Roma, 1 dic. (AdnKronos Salute) - Dal trovare il lavoro ideale a un biglietto per il cinema, ci sono obiettivi che possono sembrarci irraggiungibili. Così sempre più spesso il consiglio per gestire questa incertezza è "serve un piano di riserva". Ma è davvero saggio investire tempo ed energie in un piano B, o non è meglio concentrare le proprie energie e cercare un modo per raggiungere l'obiettivo? Per rispondere a queste domande, gli psicologi dell'Università di Zurigo hanno sviluppato un nuovo modello teorico, passando al microscopio l'utilità dei piani B. Ebbene, secondo la ricerca, che apparirà su 'Perspectives on Psychological Science', talvolta il piano di riserva può rivelarsi un boomerang, una sorta di profezia che si auto-avvera. Minando involontariamente quello che era il Piano A.

"Il nostro modello si basa su un'idea semplice: i piani di backup cambiano il modo in cui perseguite il vostro obiettivo, anche se non si usano e non si useranno mai", dice Christopher Napolitano, primo autore della ricerca. "A volte, avere un piano di backup può aumentare la propria sicurezza", commenta Alexandra Freund, co-autrice, "ma altre volte un piano B potrebbe distrarre, o limitare, l'impegno nel piano A".

"Certo, è una buona idea dedicare un po' di tempo e fatica a sviluppare piani di backup, in modo da affrontare situazioni complesse con una sorta di rete di sicurezza", dice Napolitano. Tuttavia investire molto nei piani B potrebbe creare una sorta di 'profezia che si autoavvera': piani così ben sviluppati da minare gli investimenti necessari ad arrivare al successo con il piano A.

1 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us