Salute

Psichiatria: esperto, scelta di non rispondere su WhatsApp è libertà inviolabile

Con nuovo flag l'oggetto distrugge il soggetto, ma anche all'interno della coppia l'autonomia va difesa

Roma, 7 nov. (AdnKronos Salute) - La scelta del colosso della messaggistica istantanea, WhatsApp, di introdurre un nuovo segno grafico per far sapere a chi invia un messaggio sullo smartphone che il destinatario lo ha letto "ci pone di fronte ad un conflitto drammatico: l'oggetto (lo strumento tecnologico) distrugge il soggetto, ovvero cancella la possibilità di scelta. Invece la persona deve essere libera di rispondere o meno, e anche di rimandare a un altro momento. Questa novità attacca la libertà di scelta più profonda, conscia e inconscia". A parlare è Massimo Di Giannantonio, docente di psichiatria all'università di Chieti, commentano la notizia del nuovo 'flag' azzurro accanto ai messaggi arrivati e letti dall'utente di WhatsApp.

"Far sapere a chi invia il messaggio su WahtsApp che il destinatario l'ha letto forza una scelta - aggiunge lo psichiatra sentito dall'Adnkronos Salute - perché se io so che l'altro si aspetta una risposta e questa non la posso dare, o non la voglio dare ora o mai, attiene al campo insondabile e ineludibile della libertà. Anche all'interno di una coppia, perché se non rispondo non vuol dire mica che sto facendo qualcosa di male o sono impegnato in una altra relazione. Farsi condizionare nella risposta perché sappiamo che l'altro l'aspetta - conclude Di Giannantonio - è come mettere in vendita la propria soggettività e autonomia, mentre queste ultime sono baluardi imprescindibili dell'indipendenza della persona. Sempre più sotto attacco da parte della tecnologia".

7 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us