Salute

Psichiatria: esperti, basta dire raptus, malattia non sia alibi a violenza

Sip, esistono persone cattive e felici di esserlo, figli donne abusate 6 volte più a rischio aggressività

Milano, 20 nov. (AdnKronos Salute) - Basta parlare di "raptus". Basta utilizzare il termine "malattia mentale" per provare a spiegare abusi, aggressioni e gesti efferati. Mentre i dati dell'ultimo rapporto Eures rilanciano l'allarme sull'emergenza femminicidi in Italia, i vertici della Società italiana di psichiatria impegnati a Rimini nella Conferenza monotematica Sip 'Mens sana in corpore sano: il benessere come standard di cura in psichiatria' invitano a non fornire "alibi" alla violenza. "Non tutti i violenti sono dei malati - avvertono il presidente degli psichiatri Emilio Sacchetti, e il past president Claudio Mencacci - Purtroppo ci sono anche persone cattive non malate, che perseguono con convinzione il male e sono felici di metterlo in atto".

"La nostra società - analizza Mencacci, direttore del Dipartimento di neuroscienze dell'ospedale Fatebenefratelli di Milano - ha praticamente 'censurato' i concetti di finitezza e morte da un lato, e di crudeltà e male dall'altro. E così, ogni volta che ci si trova davanti a un'azione che suscita ribrezzo si chiama in causa un disturbo psichiatrico, un disagio interiore o una patologia che spinge l'aguzzino alla violenza". Per i due psichiatri "questo è profondamente sbagliato e il mondo dell'informazione dovrebbe aiutare la comunità scientifica a diffondere un messaggio corretto", evitando di 'diagnosticare' psicosi ogni volta che viene scritta una nuova pagina di cronaca nera.

Non solo esistono cattivi non malati, ma la violenza è una spirale che si autoalimenta: "Ricordiamo - conclude Mencacci - che i figli di donne vittime di violenza sono 6 volte più a rischio di sviluppare a loro volta comportamenti aggressivi. Entra in gioco un meccanismo di 'coping'", una reazione di adattamento che 'anestetizza' l'orrore e lo perpetua.

20 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us