Salute

Psichiatria: esperti, basta dire raptus, malattia non sia alibi a violenza

Sip, esistono persone cattive e felici di esserlo, figli donne abusate 6 volte più a rischio aggressività

Milano, 20 nov. (AdnKronos Salute) - Basta parlare di "raptus". Basta utilizzare il termine "malattia mentale" per provare a spiegare abusi, aggressioni e gesti efferati. Mentre i dati dell'ultimo rapporto Eures rilanciano l'allarme sull'emergenza femminicidi in Italia, i vertici della Società italiana di psichiatria impegnati a Rimini nella Conferenza monotematica Sip 'Mens sana in corpore sano: il benessere come standard di cura in psichiatria' invitano a non fornire "alibi" alla violenza. "Non tutti i violenti sono dei malati - avvertono il presidente degli psichiatri Emilio Sacchetti, e il past president Claudio Mencacci - Purtroppo ci sono anche persone cattive non malate, che perseguono con convinzione il male e sono felici di metterlo in atto".

"La nostra società - analizza Mencacci, direttore del Dipartimento di neuroscienze dell'ospedale Fatebenefratelli di Milano - ha praticamente 'censurato' i concetti di finitezza e morte da un lato, e di crudeltà e male dall'altro. E così, ogni volta che ci si trova davanti a un'azione che suscita ribrezzo si chiama in causa un disturbo psichiatrico, un disagio interiore o una patologia che spinge l'aguzzino alla violenza". Per i due psichiatri "questo è profondamente sbagliato e il mondo dell'informazione dovrebbe aiutare la comunità scientifica a diffondere un messaggio corretto", evitando di 'diagnosticare' psicosi ogni volta che viene scritta una nuova pagina di cronaca nera.

Non solo esistono cattivi non malati, ma la violenza è una spirale che si autoalimenta: "Ricordiamo - conclude Mencacci - che i figli di donne vittime di violenza sono 6 volte più a rischio di sviluppare a loro volta comportamenti aggressivi. Entra in gioco un meccanismo di 'coping'", una reazione di adattamento che 'anestetizza' l'orrore e lo perpetua.

20 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us