Salute

Protesi e sex toys dimenticati, a Milano nel 2015 persi 37mila oggetti

Milano, 19 ago. (AdnKronos Salute) - Caschi e bauletti per la moto, coppe e trofei, biciclette, aspirapolveri, picconi e pale, stampelle, protesi, strumenti musicali, libri e anche sex toys. Ma soprattutto agende, borse, cellulari, chiavi, documenti, occhiali, portafogli, assegni, buoni pasto, anelli. All’Ufficio Oggetti Rinvenuti del Comune di Milano, in via Friuli 30, informa l'Amministrazione, si trova davvero di tutto.

Nei primi 8 mesi del 2015 sono stati persi oltre 37mila oggetti, di cui oltre 9mila sono già stati restituiti ai legittimi proprietari. Tanti, se si pensa che in tutto il 2014 ne erano stati smarriti oltre 43mila e restituiti poco più di 9mila.

Nell'anno di Expo, evidentemente, la presenza di un maggior numero di persone in città, tra milanesi e turisti, significa anche più oggetti smarriti in giro, in metrò, nei parchi, per strada, nei negozi, negli uffici pubblici.

Alcuni tipi di oggetti vengono spesso recuperati dai cittadini che si recano all’Ufficio Oggetti Rinvenuti; per altre tipologie, invece, in pochi si presentano per cercarli. Ad esempio, su 69 agende smarrite ne sono state restituite 24, su oltre 1.400 tra borse, zaini e marsupi ne sono stati riconsegnati 350.

Su oltre 700 cellulari in 140 sono tornati nelle mani del loro legittimo proprietario, su 160 valigie ne sono state ridate indietro in 40, su oltre 3.700 portafogli in 1.100 sono tornati nelle tasche giuste.

Su 12mila documenti smarriti, quasi 4mila sono stati recuperati. E ancora: su oltre 2.660 chiavi perse, ne sono state riconsegnate più di 400, mentre su più di 600 tra cappelli, guanti e sciarpe solo una trentina sono stati rivendicati da chi li aveva smarriti. In città sono stati perduti ben 1.500 buoni pasto, di 500 già riconsegnati.

Su oltre 100 orologi solo una decina solo tornati al polso del loro padrone. Idem per gli anelli: su 60 anelli, comprese le fedi nuziali, solo una decina sono di nuovo al dito giusto. Su 12 targhe, solo 1 è stata richiesta indietro.

Le donne perdono spille, orecchini, collane, ma in poche si presentano all’ufficio comunale per cercarle: su 42 collane solo 8 sono tornate alle proprietarie, su 39 orecchini solo 3 sono stati riconsegnati, su 76 braccialetti solo 7 restituiti, su 9 spille neanche una reclamata.

Tra gli episodi più singolari, quello capitato in viale Legioni Romane, dove è stato trovato un arto artificiale, una gamba destra, realizzata in resina. All’interno dell’Ufficio Oggetti Rinvenuti c’è anche una piccola biblioteca: 281 libri di ogni tipo, tra cui spiccano diverse copie della Bibbia e del Corano. Solo in 47 sono tornati ai rispettivi lettori.

Invece, sui giochi elettronici i milanesi sono molto attenti: ne sono stati persi solo 3, di cui 2 restituiti.

Non c’è altrettanta attenzione per computer e tablet: oltre 200 quelli smarriti, 40 quelli riconsegnati. Ci sono poi anche diversi strumenti musicali: un flauto, una pianola, un violino, una chitarra e perfino un’ocarina. Per sapere se un oggetto smarrito è stato ritrovato, ci si deve rivolgere all’Ufficio Oggetti Rinvenuti di via Friuli 30, telefonando al numero 02.88453900 (o inviando un fax al numero 02.88453996), dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12 e dalle 13 alle 15.30.

In alternativa, attraverso il sito del Comune di Milano è possibile inviare la richiesta collegandosi alla sezione Servizi on-line. Per ritirare l’oggetto bisogna rivolgersi agli sportelli con un documento di riconoscimento valido e, in caso di persona diversa dall’interessato, con delega in carta semplice e copia del documento d’identità del proprietario.

All’atto della restituzione è previsto il pagamento di un corrispettivo in base al criterio temporale: 5 euro fino a 90 giorni di custodia, 10 euro fino a 14 mesi e 50 euro oltre i 14 mesi. Per i documenti di riconoscimento non è necessario pagare alcuna somma al ritiro.

19 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us