Salute

Questa pianta infestante diffusa in Brasile contiene cannabidiolo: un'alternativa legale alla cannabis?

In Brasile c'è una pianta infestante che contiene cannabidiolo (CBD), composto non psicoattivo della canapa molto usato per scopi medici: un'alternativa legale alla cannabis?

Un team di scienziati ha scoperto che una pianta molto diffusa in Brasile contiene cannabidiolo (CBD), sostanza non psicoattiva presente nella cannabis insieme al tetraidrocannabinolo (THC), responsabile invece degli effetti psicoattivi.

Si chiama Trema Micrantha e, come spiega il biologo molecolare Rodrigo Moura Neto, autore della ricerca non ancora pubblicata, viene impiegata spesso nei processi di riforestazione per il suo potere infestante; le sue foglie, dal potere analgesico, sono inoltre utilizzate per curare eruzioni cutanee.

Alternativa legale alla cannabis. Il vantaggio della T. Micrantha è il fatto che contiene CBD − sostanza sempre più usata per curare patologie come l'epilessia, il dolore cronico e l'ansia − ma non il THC, il cui limite legale in Italia è attualmente posto a 0,2% per la coltivazione della canapa.

«Si tratta di un'alternativa legale alla cannabis», spiega Neto. «È una pianta che cresce in tutto il Brasile: sarebbe una risorsa di cannabidiolo molto più economica e semplice da reperire».

Un mercato in espansione. Secondo uno studio di mercato dello scorso anno condotto da Vantage Market Research, il mercato globale per il CBD è in forte crescita, e potrebbe passare dai quasi 5 miliardi di dollari attuali ai 47 miliardi di dollari nel 2028, spinto soprattutto dall'uso in campo medico e di benessere.

Per questo Neto ora mira ad approfondire il proprio studio, identificando i metodi migliori per estrarre il CBD dalla T. Micrantha e analizzandone l'efficacia in pazienti con patologie attualmente curate con la cannabis.

19 luglio 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us