Salute

Perdita di memoria nell'Alzheimer: una possibile spiegazione

Alla base dei deficit di memoria della malattia di Alzheimer potrebbe esserci un ridotto afflusso di sangue nella regione cerebrale dell'ippocampo.

Uno studio sull'afflusso di sangue nell'ippocampo, una regione cerebrale considerata il "centro di controllo" dei ricordi e dell'apprendimento, potrebbe fornire una possibile spiegazione a uno dei sintomi precoci e più tipicamente associati alla malattia di Alzheimer, ossia la perdita della memoria.

In base a uno studio sui topi condotto dall'Università del Sussex e pubblicato su Nature Communications, anche in condizioni non patologiche, l'irrorazione sanguigna di una parte dei neuroni dell'ippocampo sarebbe appena sufficiente a mantenere le cellule nervose in vita; così, quando interviene un qualunque altro fattore che riduce l'afflusso di sangue in quest'area, quelle cellule non ricevono ossigeno a sufficienza e muoiono.

Sul filo del rasoio. Un gruppo di scienziati dell'Università del Sussex ha studiato la circolazione sanguigna e quindi l'ossigenazione nel cervello dei topi, e usato simulazioni per capire quanto sangue arrivasse ai neuroni che si trovano più lontani dai vasi sanguigni. Dall'analisi è emerso che queste cellule nervose in una posizione sfortunata ricevono di norma una quantità di ossigeno "giusta giusta": vivono insomma un po' al limite, e quando intervengono altri fattori sulla circolazione sanguigna, come quelli legati alla malattia, esse cessano di funzionare.

Nella fattispecie i neuroni dell'ippocampo dei topi ricevono meno sangue di quelli della corteccia visiva (l'area cerebrale che analizza forma, collocazione e movimento degli oggetti), forse perché meno "portate" nel contrarsi per dilatare i vasi sanguigni.

Errori e Vuoti di memoria. Potrebbe essere questa una delle possibili ragioni delle amnesie che fanno sospettare la comparsa della malattia di Alzheimer. Come spiega Catherine Hall, neuroscienziata tra gli autori dello studio, «gli stessi fattori che comportano un rischio di infarto aumentano anche quello di sviluppare una demenza. Il nostro cervello infatti ha bisogno di sangue a sufficienza per ricavare energia - in forma di ossigeno e glucosio - in modo che le cellule funzionino nel modo giusto, e anche perché il flusso sanguigno può rimuovere le scorie come le proteine beta amiloidi che si accumulano nella malattia di Alzheimer».

Un aiuto nella prevenzione? Se queste scoperte valessero anche per l'uomo, e fosse vero che aumentare l'afflusso di sangue all'ippocampo riduce la perdita di memoria nella malattia di Alzheimer, allora potremmo tradurre le nostre preoccupazioni in prevenzione e aumentare le attività che migliorano l'ossigenazione del cervello, come l'attività fisica e un'alimentazione sana (già associate a un minore rischio di sviluppare demenze).

Gli scienziati stanno anche cercando di capire se una ridotta circolazione sanguigna e ossigenazione dell'ippocampo possano essere anche alla base degli accumuli di proteina beta-amiloide tipici della malattia di Alzheimer.

In Italia sono circa 600.000, le persone colpite da questa forma di demenza, un numero destinato ad aumentare per una patologia che coinvolge, oltre ai malati, intere famiglie. Le cause della malattia di Alzheimer non sono ancora chiare, e i tentativi fin qui spesi per trovare cure farmacologiche non hanno dato i risultati sperati.

8 giugno 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us