Speciale
Domande e Risposte
Salute

Perché troppa fame ci rende nervosi?

Quando si ha fame le cose semplici possono diventare difficili, si fanno errori stupidi... ed è anche più difficile sopportare gli altri! Ecco perché.

Tutti sappiamo bene che la troppa fame ci rende un po' nervosetti, fino a diventare persino irascibili. Possibile che oggi, a milioni di anni di distanza dal primo ominide, col 5G, gli smartphone e l'acqua calda, tirarla in lungo senza mettere nulla in bocca ci faccia questo scherzo? Sì, ci dice la scienza, perché non è questione di evoluzione e cultura, ma di chimica: la mancata assunzione di cibo per un tempo prolungato provoca nel flusso sanguigno una carenza di diversi nutrienti, tra i quali il glucosio. Il cervello, strettamente dipendente dal glucosio per mantenersi attivo, ne interpreta la riduzione come una minaccia per la sopravvivenza e quindi aumenta la produzione di ormoni come l'adrenalina (che tra l'altro porta aggressività), che innalzano i livelli di glucosio nel sangue.

 

Perché troppa fame ci rende nervosi?
Questa notizia è liberamente tratta da Focus Domande e Risposte 63. © Focus D&R

Inglesi arrabbiati. Nel mondo anglosassone esiste una parola per definire il nervosismo da digiuno: hangry, un mix tra hungry (affamato) e angry (arrabbiato).

«A differenza di molti altri organi - spiega Amanda Salis, dell'Università di Sydney - il cervello dipende dal glucosio per lavorare. Quando si ha fame le cose semplici possono diventare difficili, si fanno errori stupidi, i movimenti rallentano e anche le parole possono diventare confuse. Ed è anche è più difficile sopportare gli altri...»

16 marzo 2020 Fabrizia Sacchetti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us