Perché se fa freddo facciamo più pipì?

Più la temperatura esterna scende e più aumenta lo stimolo a fare pipì.  Perché il  nostro corpo, per difendersi, reagisce al freddo eliminando liquidi.

farepipiurinare
|Shutterstock

Ci avete fatto caso? Quando fa più freddo ci scappa anche di più la pipì. Ovviamente c'è una spiegazione scientifica: si tratta di una reazione naturale dell’organismo per difendere gli organi vitali interni dall’abbassamento della temperatura.

Il nostro corpo, infatti, deve mantenere costante la temperatura interna, e lo fa anche attraverso la vasocostrizione periferica, ossia restringendo i vasi sanguigni di mani e piedi.

 

Focus Domande e Risposte
L'articolo è tratto dal nuovo Focus D&R in edicola (n° 59). | Focus Domande e Risposte

ipertensione. Lo stimolo a urinare è una conseguenza di questa vasocostrizione: il restringimento dei capillari provoca l’aumento della pressione sanguigna, poiché la stessa quantità di sangue deve scorrere in uno spazio ridotto. L’organismo cerca allora di abbassare la pressione.

In estate, la temperatura corporea viene regolata facendo evaporare l’acqua attraverso la sudorazione, ma col freddo sono i reni che filtrano via l’acqua in eccesso nel sangue per ridurne il volume, depositandola nella vescica.

 

Che freddo fa. A causa di questi meccanismi, più tempo si rimane esposti alla bassa temperatura, più frequentemente i reni porteranno la vescica a riempirsi, spingendoci a fare spesso pipì.

 

 

07 Gennaio 2019 | Focus Domande e Risposte