Salute

Perché non vediamo buio a ogni battito di ciglia

Il cervello umano "unisce i puntini" compensando le discrepanze tra ciò che vedevamo prima e ciò che c'è dopo la chiusura delle palpebre. Intanto, ne approfitta per riallineare i muscoli oculari.

Ogni qualche secondo, le nostre palpebre si chiudono e il bulbo oculare si riposiziona, inumidendosi. Succede 15-20 volte al minuto, 10 mila volte al giorno. Ma perché questi ammiccamenti non provocano una sensazione di buio intermittente? Merito del cervello, che compie uno sforzo extra per rendere stabile la vista e compensare queste micro pause.

Uno studio coordinato dall'Università della California a Berkeley e pubblicato su Current Biology dimostra che a ogni battito di ciglia, facciamo molto di più che lubrificare gli occhi ed eliminare il pulviscolo esterno. Il cervello ne approfitta per riposizionare i bulbi oculari, riattivando i muscoli delle palpebre affinché lo sguardo ritorni concentrato sull'oggetto del suo interesse.

Un attento regista. «I nostri muscoli oculari sono pigri e imprecisi, quindi il cervello ha bisogno di adattare costantemente i suoi segnali motori per fare in modo che gli occhi puntino dove devono» spiega Gerrit Maus, tra gli autori. «Il cervello valuta la differenza tra quello che vediamo prima e dopo l'ammiccamento, e comanda ai muscoli di compiere i dovuti aggiustamenti». Grazie alle previsioni, e alle misure correttive, del cervello, ci facciamo un'immagine coerente dei dintorni e non vediamo sfocato ogni volta che riapriamo gli occhi.

L'esperimento più noioso del mondo. I ricercatori sono arrivati a questa conclusione costringendo una dozzina di volontari a trascorrere molto tempo in una stanza buia fissando un puntino luminoso, che veniva spostato di un centimetro a ogni loro ammiccamento. Le telecamere infrarosse hanno monitorato i loro movimenti oculari, e dimostrato che, anche se i soggetti non si accorgevano degli spostamenti, il loro cervello obbligava gli occhi a riposizionarsi sul punto corretto.

20 gennaio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us