Scienza

Perché non vediamo buio a ogni battito di ciglia

Il cervello umano "unisce i puntini" compensando le discrepanze tra ciò che vedevamo prima e ciò che c'è dopo la chiusura delle palpebre. Intanto, ne approfitta per riallineare i muscoli oculari.

Ogni qualche secondo, le nostre palpebre si chiudono e il bulbo oculare si riposiziona, inumidendosi. Succede 15-20 volte al minuto, 10 mila volte al giorno. Ma perché questi ammiccamenti non provocano una sensazione di buio intermittente? Merito del cervello, che compie uno sforzo extra per rendere stabile la vista e compensare queste micro pause.

Uno studio coordinato dall'Università della California a Berkeley e pubblicato su Current Biology dimostra che a ogni battito di ciglia, facciamo molto di più che lubrificare gli occhi ed eliminare il pulviscolo esterno. Il cervello ne approfitta per riposizionare i bulbi oculari, riattivando i muscoli delle palpebre affinché lo sguardo ritorni concentrato sull'oggetto del suo interesse.

Un attento regista. «I nostri muscoli oculari sono pigri e imprecisi, quindi il cervello ha bisogno di adattare costantemente i suoi segnali motori per fare in modo che gli occhi puntino dove devono» spiega Gerrit Maus, tra gli autori. «Il cervello valuta la differenza tra quello che vediamo prima e dopo l'ammiccamento, e comanda ai muscoli di compiere i dovuti aggiustamenti». Grazie alle previsioni, e alle misure correttive, del cervello, ci facciamo un'immagine coerente dei dintorni e non vediamo sfocato ogni volta che riapriamo gli occhi.

L'esperimento più noioso del mondo. I ricercatori sono arrivati a questa conclusione costringendo una dozzina di volontari a trascorrere molto tempo in una stanza buia fissando un puntino luminoso, che veniva spostato di un centimetro a ogni loro ammiccamento. Le telecamere infrarosse hanno monitorato i loro movimenti oculari, e dimostrato che, anche se i soggetti non si accorgevano degli spostamenti, il loro cervello obbligava gli occhi a riposizionarsi sul punto corretto.

20 gennaio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us