Salute

Perché quando fa freddo ci cola il naso?

D'inverno vi tocca girare costantemente con i fazzoletti in tasca? Succede a causa di un meccanismo di difesa del nostro corpo. Che ci permette di non inspirare aria gelida.

Si chiama "rinite indotta dal freddo", o anche "naso dello sciatore". Se all'aperto nelle giornate invernali vi cola spesso il naso, anche se non avete il raffreddore, lo avete sperimentato (come la maggioranza della popolazione). Ma perché avviene?

In sintesi, per la differenza di temperatura tra l'aria fredda e secca che inaliamo e l'interno caldo e umido del nostro naso. Le cavità nasali hanno il delicato compito di riscaldare e umidificare l'aria in entrata, assicurandosi che non arrivi gelida e secca fino ai polmoni.

UN INTENSO LAVORO. Quando inspiriamo sulle piste da sci, o in altri luoghi molto freddi, l'aria all'interno del nostro naso si trova a circa 26 °C di temperatura, e ha un'umidità del 100%. L'aria ghiacciata e secca in entrata stimola i nervi nasali che inviano un segnale al cervello: questo risponde intensificando l'afflusso di sangue nei vasi nasali, per facilitare il processo di riscaldamento.

Le ghiandole del muco aumentano la produzione, per ripristinare la giusta umidità dell'aria inspirata, stimolate anche dalle cellule immunitarie che si attivano in risposta al freddo: si stima che questa reazione possa portare alla "perdita" di 300-400 ml di muco nell'arco di una giornata.

Vapore acqueo. La perdita di liquido acquoso dalle narici è anche legata alla reazione di condensa del passaggio di aria fredda. Per riscaldare l'aria in entrata, le calde mucose nasali si raffreddano: il vapore che risulta da questo processo si mescola con il muco prodotto, e fuoriesce dalle narici.

27 dicembre 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us