Salute

Perché posticipare la sveglia del mattino fa peggio che svegliarsi subito?

Se attivi la funzione snooze per dormicchiare ancora un po' posticipando la sveglia del mattino non stai facendo bene alla tua salute. Ecco perché.

Di che sonno sei? Quello per cui alla mattina punti sempre la sveglia prima del necessario per poter posticipare il risveglio di 5 minuti, e poi ancora 5 e poi...? Pessima abitudine: lo snooze - che in inglese può significare "sonnellino" o "pisolino" - dopo una prima sveglia, non è affatto una pratica salutare per il nostro organismo. Lo spiegano i ricercatori dell'università statunitense di Notre Dame, nell'Indiana, secondo cui posporre la sveglia in realtà non solo non facilita il risveglio, ma lo rende ancora più traumatico del dovuto.

Gli studiosi hanno intervistato 450 adulti, con un lavoro a tempo pieno, indagando sulla durata del loro sonno e sulla loro frequenza cardiaca con l'aiuto di dispositivi indossabili. Ebbene: i dati raccolti dallo studio hanno dimostrato che chi utilizzava e posticipava la sveglia sperimentava disturbi del sonno in misura maggiore di chi si svegliava naturalmente. Inoltre, chi (potendo farlo) non utilizzava allarmi di alcun genere, dormiva più a lungo e nelle ore seguenti assumeva meno caffeina.

Sempre stanchi. Come mai? Perché ritardare la sveglia interrompe i cicli naturali del sonno e pertanto può generare la cosiddetta inerzia del sonno, cioè quella sensazione di intontimento che proviamo la mattina dopo esserci svegliati, e che spesso può trascinarsi per l'intera giornata, compromettendo le nostre facoltà cognitive e facendoci sentire cronicamente stanchi.

23 febbraio 2023 Roberto Mammì
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us