Salute

Perché il senso dell'olfatto peggiora con l'età

Non è solo suggestione: l'invecchiamento dei mammiferi si accompagna a un effettivo deterioramento dell'odorato. Uno studio sulle cellule nervose dei topi ha chiarito le cause.

Con l'avanzare dell'età spesso cala la vista, ma con l'olfatto non va meglio: può capitare di accorgersi che gli odori non sono percepiti con l'efficienza di un tempo. In parte, i motivi sono noti: nei mammiferi la produzione di nuovi neuroni (neurogenesi) è soprattutto confinata alla prima infanzia, e prosegue in età adulta solo in alcune regioni cerebrali. I neuroni olfattivi fanno eccezione, poiché si sviluppano da cellule staminali in più fasi intermedie. La produzione di neuroni per i bulbi olfattivi, la parte del sistema nervoso che per prima raccoglie gli stimoli odorosi, continua per l'intera vita di un individuo.

Seguite in diretta. I ricercatori dell'Helmholtz Zentrum di Monaco e dell'University Medical Centre Mainz, in Germania, hanno seguito lo sviluppo delle staminali nel cervello di topo per chiarire in che punto della catena di produzione si formino gli intoppi responsabili della diminuita sensibilità.

Il team ha conferito alle singole cellule staminali e ai loro discendenti (chiamati "cloni") specifici colori, in modo che ogni linea cellulare fosse chiaramente identificabile dalla propria tonalità. In un successivo passaggio, sono stati confrontati staminali e cloni di cervelli di topo giovani e anziani, per vedere quale fosse il contributo di queste cellule alla neurogenesi di neuroni olfattivi maturi.

Alle origini del problema. La grande quantità di dati è stata data in pasto a un sistema di intelligenza artificiale, che ha così concluso: l'abilità dei neuroni olfattivi di autorinnovarsi cala con l'età, soprattutto per le defaillance di una popolazione di cellule detta "di amplificazione e transito", che costituisce una tappa intermedia tra le staminali indifferenziate e i neuroni specializzati finali. Nei topi anziani ci sono meno cellule staminali che si differenziano in neuroni olfattivi, e allo stesso tempo una più elevata quiescenza delle staminali, che tendono a rimanere tali più a lungo, anziché adoperarsi per maturare. Quasi come fossero "impigrite".

5 gennaio 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us