Salute

Perché non riusciamo a smettere di fumare

Non è sempre e solo una questione di volontà: talvolta, i geni ci mettono lo zampino.

Rinunciare alla prossima sigaretta, all'ennesimo pacchetto è un'impresa impossibile? Potrebbe dipendere dai geni. Un terzo dei fumatori bianchi è portatore di una variante genetica che rende più difficile smettere di fumare.

Lo rivela uno studio della Zhejiang University School of Medicine di Hangzhou (Cina), che ha analizzato 23 precedenti ricerche su un gene, l'ANKK1, collegato al rilascio di dopamina, un neurotrasmettitore coinvolto nel circuito della ricompensa. La revisione degli studi su un totale di 11 mila fumatori non ha rilevato particolari legami tra il gene in questione e la facilità nello smettere di fumare.

Smetto quando voglio. Ma quando si è passati al campione dei soli fumatori bianchi, è emerso qualcosa di interessante: due terzi dei fumatori di popolazione caucasica risultano portatori di una variante del gene chiamata A2/A2, che alza del 22% del possibilità di smettere di fumare con successo rispetto a chi presenta un'altra versione del gene, la A1/A1 o A1/A2.

Un freno genetico. Per questa più piccola fetta di fumatori, rinunciare all'abitudine è più difficile: precedenti studi avevano collegato le varianti A1/A1 e A1/A2 a obesità e dipendenze da droghe, evidenziando un collegamento tra queste versioni del gene e i comportamenti legati alla dipendenza.

Ai ripari. Ulteriori studi chiariranno se lo stesso problema si presenti anche in altre popolazioni non caucasiche. Ma intanto, per chi presenta le versioni evidenziate del gene, si potrebbero prevedere terapie più "decise" per combattere la dipendenza da nicotina.

3 dicembre 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us