Speciale
Domande e Risposte
Salute

Perché si dice che il disgusto fa rivoltare lo stomaco?

Che un cibo cattivo e nauseante faccia rivoltare lo stomaco non è soltanto un modo dire: succede davvero.

Si dice che un cibo cattivo rivolti lo stomaco. Un modo di dire? Niente affatto: succede davvero. Lo stomaco, infatti, di norma si espande e si contrae grazie ai muscoli gastrici che lo circondano e che seguono un ritmo, grazie al quale il cibo viene digerito e fatto muovere in avanti verso l'intestino.

Nausea e vomito. Quando però vediamo qualcosa di disgustoso e proviamo nausea, il ritmo dello stomaco si inceppa e il movimento gastrico pure, al punto che, se abbiamo una profonda repulsione per qualcosa, può letteralmente cambiare direzione: lo stomaco può cioè "rivoltarsi", arrivando al punto di farci vomitare.

A questa conclusione sono giunti alcuni ricercatori inglesi studiando gli effetti del domperidone, un farmaco antiemetico che funziona bene come antinausea e antivomito proprio perché riesce a stabilizzare il ritmo dello stomaco, impedendo così che la "rotta" del cibo si inverta, perfino consentendoci di riuscire a guardare quel cibo nauseante senza avere conati di vomito.

lontano dalla vista. Distogliere lo sguardo da ciò che ripugna è infatti la prima nostra difesa fin da quando siamo piccoli e il senso del gusto comincia a formarsi. Per questo, gli studiosi hanno indagato se sotto effetto del domperidone riusciamo almeno a tollerarne la vista. La risposta dei ricercatori è affermativa: proprio grazie al farmaco che contribuisce al mantenimento di un ritmo gastrico normale, possiamo superare meglio il ribrezzo di ciò che guardiamo e che, diciamolo, ci fa proprio schifo.

26 dicembre 2021 Elena Meli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us