Salute

Perché è meglio non mangiare la neve

È candida e invitante, ma assorbe inquinanti dall'aria e dopo un po' si carica di batteri.

Meglio resistere alla tentazione di mettere in bocca una manciata di neve, ma se proprio non riuscite servitevi fiocchi appena caduti: piu passa il tempo, più la neve viene contaminata da microrganismi e dallo sporco, soprattutto in città - dove l'inquinamento è maggiore.

Se proprio non resistete alla tentazione di assaggiare una manciata di neve, meglio prendere quella appena scesa. Più passano le ore e più viene contaminata dai batteri presenti nell'aria. © Simon Beck

A sostenerlo è uno studio condotto nel 2017 da un'università romena, che ha analizzato la neve raccolta in un parco e in una rotonda stradale. L'esperimento ha dimostrato che la neve delle prime 12 ore è relativamente pulita - con "soli" cinque batteri per millimetro - mentre dopo due giorni si contaminava e il numero dei batteri quadruplicava.

Come una spugna. Che l'aria contamini la neve, lo ha confermato anche uno studio di un paio di anni fa dove si affermava che la neve in città è simile a una spugna: assorbe tutti gli agenti inquinanti e tossici presenti nell’aria.

La sostanza più pericolosa è il benzene, contenuto nella benzina, nel greggio e nel fumo di sigaretta: questa composto chimico, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, interferisce con le funzioni cellulari e può causare anemia, leucemia e altri disturbi.

La neve però assorbe dall'aria anche il toluene (un additivo della benzina) e lo xilene (un derivato del benzene). Secondo l’Environmental Protection Agency degli Stati Uniti (l’ente governativo che si occupa della tutela ambientale), il primo danneggia il sistema nervoso centrale, mentre il secondo causa disturbi neurologici, difficoltà respiratorie e insufficienza renale.

2 marzo 2018 Giuliana Rotondi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us