Salute

Perché molti vaccini si somministrano in due dosi?

I vaccini anti-covid seguono la prassi consolidata della somministrazione in due momenti successivi: una doppia fatica che offre però vantaggi certi.

I vaccini anti-covid di Pfizer e Moderna si somigliano in molte cose: sono entrambi altamente efficaci, sono i primi ad aver raggiunto (o quasi) l'approvazione per uso di emergenza, si basano entrambi su una tecnologia a mRNA e sono entrambi somministrati in due dosi successive, con la seconda iniezione rispettivamente a tre e a quattro settimane dalla prima. Quest'ultimo aspetto è spesso trascurato, ma la domanda è interessante: perché puntare da subito sulla doppia dose, che comporta maggiori costi, più sfide logistiche e una più complessa organizzazione?

Abituarsi per gradi. Come spiegato su The Verge, i vaccini funzionano perché stimolano l'organismo a difendersi dai virus pericolosi esponendo al sistema immunitario una piccola parte non infettiva del virus, l'antigene, una proteina che lo rende riconoscibile. I vaccini a mRNA contro la CoViD-19 non introducono l'antigene spike direttamente, ma forniscono all'organismo la ricetta per crearlo (per approfondire): il principio è comunque lo stesso. Il sistema immunitario deve imparare a riconoscere questo segnale d'allarme da zero, perché non era mai stato esposto al virus in questione - a maggior ragione al SARS-CoV-2, da poco passato alla nostra specie.

Più dosi in sequenza significano maggiori opportunità di allenamento: l'esposizione extra permette all'organismo di capire come contrastare effettivamente il virus, tanto più che quella stimolata dal vaccino non è un'infezione, perché non c'è nessun patogeno che si sta replicando nell'organismo. Si tratta di imparare a riconoscere il segnale di avvenuto ingresso del virus: un compito più difficile, ma che permetterà di respingere il nuovo coronavirus se lo si dovesse incontrare per davvero.

Una preparazione scrupolosa. I vaccini somministrati in doppia dose mostrano più volte all'organismo gli antigeni virali, e questo permette di produrre sia più anticorpi neutralizzanti sia più cellule della memoria, i linfociti T e B: questi componenti del sistema immunitario, che resistono più a lungo, saranno in prima linea in caso di vera invasione del SARS-CoV-2, perché si ricorderanno dell'antigene che hanno già incontrato col vaccino e permetteranno di schierare difese adeguate. Con la doppia dose aumenta l'efficacia: il vaccino anti-covid di Pfizer e BioNTech raggiunge un'efficacia del 52% già dopo la prima dose, ma è con la seconda che si arriva a una protezione attorno al 95%.

I richiami. Anche le cellule della memoria si riducono nel tempo. Per questo, alcuni vaccini (come quelli contro il tetano, o la pertosse) hanno bisogno di richiami periodici, un modo per rafforzare una risposta che però è già stata stabilita.

Innescare la risposta iniziale è più difficile rispetto a stimolare una risposta che c'era già, ma era solo "sopita". La durata della protezione offerta dai vaccini anti-covid emergerà solo con il tempo: è prevedibile che in futuro dovremo sottoporci a richiami periodici.

Difficoltà doppie. Il sistema del doppio dosaggio comporta comunque alcuni problemi non banali. Servono due volte più aghi e più fialette, il doppio degli sforzi di produzione, approvvigionamento, conservazione e distribuzione. Aumentano i costi, aumentano gli sforzi organizzativi per assentarsi dal lavoro e raggiungere le strutture vaccinali. Nei contesti meno serviti, dove accedere alle vaccinazioni è un'impresa, è inoltre più difficile convincere le persone a presentarsi per una seconda iniezione, e l'immunizzazione viene completata soltanto per metà, senza raggiungere la copertura necessaria. Per questo i vaccini anti-covid di seconda generazione, ancora in fase di test, stanno esplorando anche l'ipotesi di un dosaggio singolo e testando l'efficacia di questa soluzione rispetto a quella, tradizionale, della doppia dose.

10 dicembre 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us