Salute

Per la salute del tuo cuore ogni attività è meglio di stare seduti (persino dormire)

Incorporare nelle 24 ore comportamenti benefici per il cuore è più facile di quanto si creda: basta scardinare le tante piccole abitudini sedentarie.

Se vi sta a cuore il benessere del... cuore, qualunque cosa è preferibile allo stare seduti - persino dormire, che potrebbe sembrare un passatempo ancora più pigro. Uno studio pubblicato sull'European Heart Journal ha stilato per la prima volta una classifica delle attività che si compiono nelle 24 ore in base al loro effetto sulla salute cardiovascolare. E anche se non ci sono grandi sorprese (ovviamente è l'esercizio a dare i maggiori benefici), la ricerca dimostra che incorporare abitudini salutari nelle nostre sedentarie giornate è più facile di quanto si pensi.

Seguiti giorno e notte. Un team di ricercatori dell'University College London ha analizzato i dati di sei studi su oltre 15.200 persone di cinque diversi Paesi, che avevano indossato un dispositivo wearable attorno alla coscia per tener traccia delle loro attività durante le 24 ore. Nel frattempo la loro salute cardiovascolare è stata monitorata attraverso una serie di parametri (per esempio indice di massa corporea, girovita, trigliceridi). 

Piccoli cambiamenti. Per prima cosa gli scienziati hanno messo in ordine le varie attività quotidiane iniziando da quelle che forniscono il maggiore beneficio al cuore: attività fisica da moderata a vigorosa, seguita da attività motoria leggera, poi lo stare in piedi e quindi dormire. Tutte risultanto più salutari rispetto allo stare seduti.

Ma gli aspetti più interessanti sono emersi quando il team ha calcolato che cosa sarebbe accaduto se ciascuno avesse investito il tempo speso ogni giorno nelle varie attività con altrettanti minuti di un altro passatempo più salutare. Bastano sforzi davvero contenuti per ottenere benefici importanti: per esempio rimpiazzare anche solo cinque minuti di tempo seduti con attività fisica moderata o vigorosa ha già un effetto degno di nota sulla salute del cuore.

Basta mezz'ora. Per una ipotetica donna di 54 anni con indice di massa corporea di 26,5 (sovrappeso), sostituire 30 minuti giornalieri di tempo seduta o straiata con una attività fisica moderata o vigorosa si tradurrebbe in una perdita di 2,5 cm di circonferenza vita, e un calo del 3,6% di emoglobina glicata, che si forma quando nel sangue è presente troppo glucosio.

L'intensità del movimento conta. « Il cambiamento più benefico che abbiamo osservato è stato sostituire lo stare seduti con attività fisica da moderata a vigorosa, che potrebbe essere una corsa, una camminata veloce o fare le scale, in pratica qualunque attività che innalzi il battito cardiaco e faccia respirare più velocemente anche solo per un minuto o due» dice Jo Blodgett, primo autore dello studio.

Ma anche se il movimento più energico dà più risultati e in meno tempo, anche altre attività contribuiscono al benessere del cuore. Solo che ci mettono di più: minore è l'intensità di un'attività, maggiore è il tempo richiesto per iniziare ad avere benefici tangibili. Per esempio ricorrere a una standing desk, che permette di lavorare stando in piedi, ha comunque un beneficio notevole perché evita di stare seduti per molte ore al giorno. Allo stesso tempo non è un cambiamento che toglie tempo prezioso al lavoro.

Una rivoluzione di pensiero. «Mantenersi attivi non è sempre facile, ed è importante fare cambiamenti che si riescono a mantenere nel lungo periodo e che siano graditi» dice James Leiper, Vicedirettore della British Heart Foundation. «Inserire "snack di attività fisica" come camminare mentre si fanno le telefonate o mettere una sveglia per alzarsi e fare alcuni salti a stella ogni ora sono modi fantastici per iniziare a costruire attività fisica ogni giorno e avvicinarsi a uno stile di vita salutare e attivo».

12 novembre 2023 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us