Salute

Pelissero (Aiop), con spesa pubblica sotto 7% Pil serie difficoltà per tenuta sistema

Più integrazione con pubblico, Patto Salute e Piano cronicità opportunità che settore deve cogliere

Milano, 18 set. (AdnKronos Salute) - "Anche quest'anno la Legge di stabilità nonostante il periodo difficile che c'è stato negli ultimi anni, vuole tenere conto del settore privato e interrompere, come è già avvenuto almeno dal 2013, la tradizione non bella dei tagli lineari e in particolare i tagli al settore privato. Proprio perché con il pubblico deve costituire un insieme che eroga sempre maggiori servizi di più alta qualità al cittadino". E' la dichiarazione di intenti del ministro della Salute Beatrice Lorenzin, contenuta in un videomessaggio inviato oggi al Congresso dell'Unione Europea dell'ospedalità privata (Uehp) in corso a Milano al Centro congressi dell'ospedale San Raffaele di Milano.

Un evento che ha dato l'occasione ai rappresentanti europei degli ospedali privati e agli italiani dell'Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) di esaminare le sfide della sanità nel prossimo futuro. In un quadro descritto dalla stessa Lorenzin, di "diminuzione della spesa del welfare più o meno tendenziale in tutto il mondo occidentale in questa fase di crisi". Sono molti, ricorda il ministro, "fronti aperti sia in Italia sia in Europa da questo punto di vista con l'unico interesse di reggere la sfida della sostenibilità e continuare ad erogare servizi ai cittadini".

"Tutta la spending review - assicura - tutto il lavoro che stiamo facendo è quello di una razionalizzazione delle risorse all'interno del sistema sanitario per poi reinvestirlo nei comparti laddove c'è bisogno. E da questo punto di vista il settore privato può cogliere un'opportunità di avanzamento e di miglioramento soprattutto in un sistema in cui da parte del ministero della Salute c'è veramente l'intenzione di compiere questa integrazione" con il pubblico "e di potenziarla sempre di più nell'ottica dell'efficienza. Anche il Patto per la salute e il Piano nazionale sulla cronicità sono oggettivamente una grossa opportunità che il settore privato può e deve cogliere". (segue)

"Abbiamo un anno, un anno e mezzo per costruire e implementare il Patto per la salute - ricorda Lorenzin - Io spero che alla fine di questo percorso le tante norme che si saranno susseguite saranno calate sui nostri territori in modo condiviso con le associazioni. Noi stiamo lavorando sulla produttività del settore pubblico, sull'appropriatezza. La stessa cosa vogliamo nel settore privato in modo che questi due ambiti possano integrarsi in modo complementare sempre di più, rispettare standard qualitativi sempre più alti per offrire un servizio pubblico e universale ai nostri cittadini sia che sia gestito ed erogato dal settore pubblico sia che a farlo sia il sistema privato".

Sul binario tracciato dal ministro si inserisce anche Gabriele Pelissero, presidente nazionale di Aiop che parla di "potenziamento dell'efficienza e di razionale allocazione delle risorse" come di "strumenti efficaci per ottenere i migliori risultati in relazione alla spesa sostenuta". Mentre, aggiunge, "i tagli lineari e i tetti di budget producono effetti negativi sull’equità di accesso ai servizi e sulla qualità delle cure. Se il contenimento dei costi diventa la preoccupazione preponderante, il settore sanitario è di fatto considerato un investimento improduttivo, quando l'Ocse ha calcolato che periodi di contrazione dei budget rendono difficile creare le condizioni per progredire e fanno lievitare i costi a medio-lungo termine. Come Aiop proponiamo che la soglia del 7% di spesa pubblica sanitaria sul Pil sia considerata non solo un limite minimo economico, ma soprattutto il livello minimo per la qualità del Ssn, al di sotto della quale potrebbero insorgere serie difficoltà per la tenuta qualitativa del sistema".

18 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us