Salute

Pediatria: vacanze al mare per 88% bimbi, 1 su 4 fa nuoto tutto l'anno

Sabato a San Benedetto la consegna delle 'Bandiere verdi 2016' ai sindaci dei comuni premiati

Roma, 15 apr. (AdnKronos Salute) - Sabbia, ciottoli o rocce, alla fine non c'è gara: l'88% dei genitori con bambini trascorre le vacanze al mare; solo il 10% va in montagna, mentre il 2% sceglie fra un viaggio, le terme o l'agriturismo. Lo rivela un'indagine condotta dal pediatria di Milano Italo Farnetani su un campione di genitori consultati tramite internet. Una scelta promossa dal pediatra. "Il punto di forza del mare è la presenza dell'acqua, che viene utilizzata dai bambini per la balneazione finalizzata all'attività ludica, ma è anche utile per l'attività fisica e lo sviluppo armonico del piccolo. Una passione, quella per l'acqua, confermata dalla grande diffusione anche nelle località montane delle piscine". Inoltre "un bambino su 4 fa nuoto tutto l'anno".

Anche di questi temi si parlerà sabato a San Benedetto del Tronto, in occasione del II Convegno nazionale delle 'Bandiere verdi dei pediatri': i riconoscimenti assegnati quest'anno alle 134 'spiagge a misura di bambino', che verranno consegnati ai sindaci dei comuni premiati. Inoltre alla tavola rotonda 'Il bambino al mare: spiaggia e salute' i relatori, fra cui Giuseppe Di Mauro (presidente Sipps, Società italiana di pediatria preventiva e sociale), Francesca Farnetani (dermatologa Università di Modena) e Angelo Tummarello (pediatra Sipps), insieme a Farnetani analizzeranno i benefici per i bambini legati alle vacanze al mare.

"L'attività di balneazione a fini ludico-formativi - dice Farnetani all'Adnkronos Salute - per i bambini è importante sotto vari punti di vista: è una fonte di scoperte continue, rientra nella capacità di esplorazione dell’ambiente, che determina preziose stimolazioni. Queste ultime agevolano e accelerano il raggiungimento delle tappe dello sviluppo psicomotorio. Inoltre, in base a una mia ricerca effettuata fra i pediatri italiani - precisa l'esperto - per un bambino su quattro il nuoto, durante tutto l’anno, è lo sport più amato. Una predilezione dimostrata dalla ripartizione delle discipline praticate secondo sesso ed età".

Ecco i risultati della ricerca. Fra i bambini di 5-10 anni, per i maschi lo sport più praticato è il calcio (24,61%), tallonato da nuoto 22,11% (scelto da 382.400 soggetti) e pallacanestro (18,69%). Nella stessa fascia di età le femmine praticano soprattutto nuoto, scelto nel 26,10% dei casi (427.000 soggetti), e ginnastica artistica con il 25,22%. La pallavolo è più distanziata, al 12,38%.

Fra gli adolescenti tra gli 11 e i 14 anni il nuoto si assesta saldamente al primo posto: è praticato dal 30,9% dei maschi (357.000 soggetti) e dal 36,08% delle femmine (394.000). A questa età, spiega Farnetani, per i maschi il secondo sport è il calcio (21,56%), con la pallacanestro praticata dal 13,75%. Fra le femmine al secondo posto troviamo sempre la ginnastica artistica, praticata però da una percentuale inferiore rispetto alle bambine più piccole (solo 18,26%), mentre la pallavolo si mantiene sempre al 12,6%.

"Questa ricerca - sottolinea il pediatra - dimostra che tutto sommato il nuoto è lo sport più praticato da tutti i giovanissimi, seguito da giochi di squadra per i maschi, cioè calcio e pallacanestro, mentre per le femmine al secondo posto troviamo la ginnastica artistica e al terzo la pallavolo. È interessante notare - conclude - che gli unici due sport che sono praticati in percentuali uguali dai maschi e dalle femmine sono proprio il nuoto e lo sci".

15 aprile 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us