Salute

Pediatria: una mamma su 5 si pente di nome bebè, in Gb spopolano consulenti

Roma, 5 set. (AdnKronos Salute) - Circa una madre su 5 ammette di essersi pentita del nome dato a suo figlio, e di queste un terzo lo ha fatto nelle prime 6 settimane di vita del piccolo. Un problema che, riporta l''Independent' online, sta portando sempre più coppie nel Regno Unito a spendere parecchi soldi per modificare il nome del loro bimbo o della loro bimba, e a optare per veri e propri consulenti che le aiuti a mettere quello giusto per il futuro dei loro figli. Una nuova figura che sta spopolando Oltremanica.

Anche la scienza, ricorda il tabloid, si è dedicata spesso all'analisi del rapporto fra nome e 'destino' di una persona: secondo uno studio della New York University, ad esempio, se il nome è facile da pronunciare si raggiunge in più casi il successo lavorativo. Ancora, nel 2009 la Shippensburg University ha decretato che i nomi poco popolari portano in più casi a diventare giovani delinquenti rispetto a quelli 'classici'. E similmente, se un ragazzo porta un nome più 'femminile' o neutro (tipo Andrea), avrà più possibilità di essere sospeso da scuola.

Ricerche curiose a parte, nel 2011 il social network del lavoro LinkedIn ha analizzato oltre 100 milioni di profili utente, scoprendo quali sono i nomi anglosassoni più comuni fra i capitani d'industria. Risultato, sono spesso monosillabici: Bob, Jack Bruce. Nomi che, in pratica, sembrano diminutivi e che per questo danno un senso di apertura e positività. Fra le donne 'spopolano' Deborah, Cynthia e Carolyn. Quelle con ruoli importanti, quindi, hanno spiegato gli esperti, al contrario degli uomini hanno nomi estesi che danno l'idea di professionalità e credibilità.

5 settembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us