Salute

Pediatria: studio, seggiolini auto pericolosi per bimbi sotto ai 2 anni

Ricerca Usa mette in guardia dal rischio soffocamento per i più piccoli

Milano, 23 nov. (AdnKronos Salute) - Seggiolini per auto da usare con prudenza con i bambini molto piccoli. A mettere in guardia i genitori è uno studio americano pubblicato sul 'The Journal of Pediatrics', secondo cui in oltre i due terzi dei bimbi minori di 2 anni morti per asfissia tra l'aprile 2004 e il dicembre 2008 la causa del soffocamento era legata ai seggiolini da auto. L'indagine ha preso in considerazione le morti avvenute su mezzi di trasporto dedicati ai bambini, come passeggini e simili.

Bastano pochissimi minuti perché un neonato addormentato venga soffocato o strozzato dalle cinghie del seggiolino, avvertono i ricercatori. Un pericolo sottovalutato, tanto che nello studio il tempo passato da quando il bebè è stato visto vivo per l'ultima volta a quando i genitori si sono resi conto dell'accaduto va dai 4 minuti alle 11 ore.

"Molti genitori utilizzano questi dispositivi senza rendersi conto dei rischi", sottolinea Erich K. Batra, esperto del Penn State Medical Centre in Pennsylvania che ha condotto lo studio, ripreso dal 'Daily Mail'. Le vie aeree dei bambini molto piccoli sono infatti ancora morbide e i bimbi non hanno la forza muscolare per muovere o sollevare il collo. Per questo motivo le vie respiratorie possono chiudersi a causa della posizione in cui sono seduti, provocando il soffocamento mentre il piccolo sta facendo un riposino. Gli esperti raccomandano di far dormire i bambini sulla schiena in una cesta o in una culla. Una volta che sono abbastanza grandi per rotolare, possono trovare da soli la propria posizione di riposo.

23 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us