Salute

Pediatria: psicologi rivalutano punizioni bimbi, ma solo in certe situazioni

Roma, 7 ago. (AdnKronos Salute) - - Nonostante la teoria più in voga, almeno negli Stati Uniti, sia quella della 'genitorialità positiva', alla 123esima Convention annuale della American Psychological Association in corso a Toronto gli esperti della Oklahoma State University tornano sulla questione delle punizioni quando i bambini non obbediscono. A patto che siano imposte in un certo modo, assicurano, è possibile ottenerne la massima efficacia.

Nella sua presentazione, lo psicologo Robert Larzelere ha raccontato di come il suo team di ricerca abbia intervistato 102 madri che avevano fornito una descrizione dettagliata di 5 occasioni in cui avevano dovuto punire i loro bambini per aver colpito qualcosa, piagnucolato senza motivo, sfidato un genitore, aver tentato di 'negoziare' un ordine o non ascoltato.

Offrire dei compromessi è apparsa la tattica più efficace per ottenere miglioramenti immediati, indipendentemente dal tipo di comportamento. Il ragionamento funziona in caso di reazione ad azioni moderatamente fastidiose, come un piccolo piagnisteo. Mentre le punizioni vere e proprie, come sequestrare un giocattolo o non consentire di vedere la televisione, sono risultate più efficaci del ragionamento in caso bambini 'maneschi' o che sfidano di continuo i genitori.

In un'altra presentazione allo stesso convegno, Ennio Cipani della National University ha spiegato che la ragione per cui le punizioni non funzionano o sono viste negativamente è perché non sono utilizzate correttamente. "I nostri risultati di casi clinici - ha riferito l'esperto - hanno dimostrato che le punizioni utilizzate costantemente, ma solo per alcuni selezionati comportamenti e situazioni riducono in modo significativo le azioni problematiche nel corso del tempo".

7 agosto 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us