Salute

Pediatria: poco pesce in menù bimbi, mini-polpette per vincere diffidenza

L'intervento all'Expo in un incontro organizzato dal Comune di S.Benedetto del Tronto

Roma, 22 giu. (AdnKronos Salute) - "In media i bambini italiani mangiano pesce solo una volta a settimana, contro le tre volte raccomandate. Troppo poco. E a suscitare diffidenza, oltre all'odore, c'è il timore di incappare in una lisca". Lo sottolinea il pediatra di Milano Italo Farnetani, che oggi tiene una relazione all'Expo su 'Il gusto del mare', presso lo stand della Regione Marche. Secondo il pediatra, il sistema per superare la diffidenza e convincere i baby-palati è semplice: "Scegliere un pesce che si delisca bene - raccomanda all'Adnkronos Salute - e preparare polpette grandi come un'oliva: mini-polpette, dunque, da friggere nell'olio extravergine d'oliva".

Farnetani, per fare il punto sulla dieta dei bimbi, ha consultato medici, insegnanti e genitori. "I bambini - spiega - imparano ad amare o detestare il sapore del pesce fin nel pancione, attraverso il liquido amniotico materno. Se la mamma non lo mangia, per loro è qualcosa di estraneo. Sarebbe dunque bene incentivare il consumo di pesce anche durante la gravidanza". Un errore comune è quello di 'mascherare' il pesce con creme e salse: "I bambini vogliono riconoscere ciò che mangiano". Inoltre le 'palline' affascinano i piccoli, che ameranno il pesce "se è piccolo e rotondo: cioè cucinato in mini-polpette delle dimensioni di una oliva ascolana, fritte in padella con l'olio extravergine di oliva".

Ma quando iniziare a proporre le mini-polpette di pesce? "Si possono dare appena il bambino ha compiuto un anno. Se ha più di 36 mesi - aggiunge il pediatra - si possono suggerire anche le olive alleascolana nella variante di San Benedetto del Tronto, cioè ripiene di pesce, anche solo pesce azzurro. Sono ottime per la vista e il palato", assicura Farnetani.

"Piccole e rotonde, rappresentano un modo per abituare al consumo del pesce. Inoltre la presenza dell'oliva fa introdurre anche sostanze vegetali, in particolare acidi grassi di origine vegetale, sempre poco presenti nella dieta di bambini e adolescenti", osserva il medico. Secondo Farnetani, inoltre, questa soluzione è adatta anche ai piccoli stranieri in visita all'Expo. "Il pesce fritto e tondo piace a tutti, e può aiutare l'integrazione con i coetanei italiani", conclude.

22 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us