Salute

L'abuso di sostanze è collegato all'alterazione del nostro orologio biologico

Nei topi, la mutazione di un gene che regola i ritmi circadiani del nostro orologio biologico, predispone a un abuso di cocaina. Come sfruttare questo legame?

La mutazione di un gene che regola i ritmi circadiani (i cicli di 24 ore che scandiscono le fondamentali attività biologiche dell'organismo, come l'alternanza di sonno e veglia o i processi digestivi) favorisce, nei topi, l'auto-somministrazione di cocaina. Lo dimostra uno studio pubblicato sul Journal of Neuroscience, che rivela un legame molecolare profondo tra un orologio biologico mal regolato e la predisposizione all'abuso di sostanze.

Relazione biunivoca. Che ritmi sregolati e consumo di droghe fossero strettamente collegati era cosa nota: diversi studi hanno dimostrato che l'abuso cronico di sostanze altera i ritmi circadiani, ma anche che la mutazione dei geni che presiedono al nostro orologio biologico può influenzare, per esempio, la sensibilità ad alcuni farmaci. Del resto «i geni circadiani sono espressi in regioni cerebrali che controllano la ricompensa, la motivazione e l'umore» spiega Colleen McClung, tra gli autori del nuovo studio.

Senza riposo. I neuroscienziati dell'Università di Pittsburgh hanno studiato gli effetti della mutazione del gene NPAS2, che nei topi regola i cicli sonno-veglia, nella predisposizione al consumo di cocaina. I roditori erano stati addestrati ad autosomministrarsi la sostanza premendo una leva: i topi con il gene mutato hanno mostrato un incremento di consumo, e l'effetto è stato particolarmente evidente nelle femmine - soprattutto nelle ore notturne, un momento di grande attività nella "giornata tipo" dei topi.

Origini profonde. Il modello sperimentale è servito a simulare i meccanismi molecolari alla base della dipendenza da sostanze psicostimolanti nell'uomo. Nelle femmine di topo con il gene NPAS2 mutato, risultava particolarmente attivo lo striato, un'area cerebrale altamente implicata nel circuito della ricompensa, l'insieme di strutture neurali coinvolte nella percezione del piacere, della motivazione e della gratificazione.

Doppio beneficio. Nell'uomo la mutazione analizzata nello studio non si verifica, ma ci sono altre varianti genetiche che hanno effetto sui ritmi circadiani e allo stesso tempo predispongono a malattie psichiatriche, come i disturbi depressivi. Capire come questi geni funzionino potrebbe aiutarci a trattare con maggiore efficacia i disturbi dell'orologio biologico, ma anche a spezzare il circolo vizioso del loro legame con l'abuso di sostanze.

6 dicembre 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us