Salute

Origini del coronavirus: fu colpa dell’influenza suina?

La carenza di carne suina dovuta all'abbattimento di milioni di esemplari fece aumentare nel 2019 la richiesta di carne selvatica in Cina e forse favorì lo spillover.

Uno studio pubblicato su Science torna a indagare sulle origini del coronavirus SARS-CoV-2, illustrando un'interessante teoria sulla serie di sfortunati eventi che avrebbero portato al salto di specie (spillover) del virus dagli animali agli umani.

Per capire le origini del SARS-CoV-2 bisogna tornare al 2002 e alla diffusione del "vecchio" coronavirus SARS-CoV, che quell'anno infettò circa 8.000 persone in Cina prima che la sua corsa venisse fermata nel 2003. L'origine zoonotica venne poi collegata ai mercati di animali selvatici vivi, e anche il SARS-CoV-2 sembra essere riconducibile ai wet market cinesi (letteralmente "mercati umidi", così chiamati per il suolo sempre bagnato), dove vengono venduti animali selvatici vivi spesso portatori di coronavirus.

Carni alternative. Secondo i ricercatori sarebbe però stato un evento in particolare a favorire il salto di specie, e a innescare la miccia che avrebbe poi fatto esplodere la covid.

La febbre suina africana, che portò all'abbattimento solo in Cina di circa 150 milioni di maiali, nel 2019 fece crollare la disponibilità di carne di maiale nel Paese di circa 11,5 milioni di tonnellate: nel novembre del 2019 i prezzi salirono alle stelle, con le tariffe all'ingrosso più che raddoppiate rispetto al 2018.

I consumatori, complici prezzi alti e poca disponibilità, iniziarono dunque ad acquistare altri tipi di carne, tra cui quella di animali selvatici, fino ad allora tradizionalmente consumata in particolare nella Cina meridionale. Tutto questo ha comportato una maggiore compravendita di quel tipo di carni, un ulteriore affollamento dei wet market e, in definitiva, un rischio più elevato di spillover.

Carcasse infette. Ma non fu solo l'improvvisa fame cinese per la carne selvatica a favorire l'avvicinamento tra il nuovo coronavirus e la nostra specie. Per evitare la diffusione della febbre suina, nell'ottobre del 2018 il governo cinese iniziò a incoraggiare la vendita di carne congelata, e nel settembre del 2019 eliminò le tasse sul trasporto di carne di suino congelata. La grande richiesta di carne di maiale facilitò il trasporto (legale e illegale) anche di altri tipi di carne congelata, come quella di animali selvatici.

Nel suo report sulle origini del virus, l'OMS denuncia infatti la presenza di carcasse di animali selvatici, in particolare di tassi, abbandonate nei freezer del mercato di Wuhan. Secondo gli autori dello studio alcune carcasse infette, date in pasto agli animali che venivano poi essi stessi venduti al mercato, potrebbero essere all'origine del contagio.

«La nascita del SARS-CoV-2 ha caratteristiche compatibili con un salto di specie naturale», sostengono i ricercatori, che sottolineano l'importanza di non sottovalutare il ruolo nella diffusione del virus delle carcasse di animali infetti, e la necessità di continuare a indagare sulle origini del progenitore del SARS-CoV-2.

25 agosto 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us