Salute

Mers, per OMS è segnale di allarme ma non è emergenza internazionale

Il punto dell'OMS sulla sindrome respiratoria del Medio Oriente.

La diffusione della Mers (sindrome respiratoria del Medio Oriente), che negli ultimi giorni ha fatto la prima vittima in Europa e dopo il Medio Oriente continua a colpire in Corea del Sud, è un segnale di allarme, una «sveglia, in un mondo globalizzato in cui tutti i Paesi dovrebbero essere preparati» a fronteggiare sul proprio suolo «la possibilità di questa e di altre epidemie di malattie infettive».

Ma «non rappresenta un'emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale», come invece è stato il caso di Ebola. Lo ha concluso il Comitato di emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità, riunito oggi per fare il punto sulla Mers.

Per giungere a questa conclusione, il Comitato di esperti ha esaminato l'andamento dell'epidemia in Corea del Sud e le azioni adottate per controllare la situazione. «Non vi è alcuna evidenza di una trasmissione sostenuta» del coronavirus, rileva il Comitato, secondo cui un attento monitoraggio della situazione rimane critico per garantire lo stop dei contagi.

Per le prossime settimane, «è possibile che si individuino ulteriori casi, anche tra i contatti che non sono stati identificati nelle prime fasi». Il direttore generale dell'Oms, Margaret Chan, ha accolto la valutazione del Comitato.

Dunque l'organizzazione non raccomanda attualmente l'applicazione di eventuali restrizioni nei viaggio o nei commerci, e ritiene "non necessario" in questo momento lo screening nei punti di ingresso nei Paesi colpiti. Sensibilizzare la popolazione e soprattutto i viaggiatori sulla Mers e sui suoi sintomi, invece, "è una buona prassi della sanità pubblica", conclude l'Oms.

17 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us