Salute

Olimpiadi di Rio: perché Zika è un rischio minore

Secondo l'OMS, non c'è ragione di posticipare i Giochi: la stagione invernale imminente in Brasile e la lontananza dall'epicentro portano al minimo il numero di casi previsti.

L'ombra di Zika si allunga da mesi sulle Olimpiadi di Rio, ma a poche settimane dall'inizio dei Giochi arrivano le rassicurazioni. Per l'Organizzazione Mondiale della Sanità (che continua a sconsigliare alle donne incinte di recarsi nelle aree colpite), i rischi per atleti e spettatori saranno minimi, e coperti dalle misure di salute pubblica adottate.

Fuori stagione. Due le principali ragioni: la prima è la diffusione delle zanzare vettore, che ad agosto sarà minima. In Brasile, le Aedes aegypti prosperano da novembre a marzo, nella stagione delle piogge. Ora l'emisfero meridionale sta entrando nella stagione invernale, e durante i Giochi il clima sarà fresco e secco.

Posizione sicura. Un altro motivo è la posizione di Rio, lontana dall'epicentro dell'epidemia, nel nordest del Paese (dove si è registrato il 90% dei casi). Chi si recherà in Brasile per le Olimpiadi, alloggerà probabilmente nelle strutture della città, già ampiamente trattate con insetticidi.

I precedenti. Anche la minima diffusione della febbre dengue (simile a Zika a partire dalla zanzara vettore) durante i Mondiali di calcio di Rio del 2014 lascia tranquilli: dei milioni di turisti giunti allora nel Paese, soltanto 3 contrassero l'infezione, tutti a Belo Horizonte, a 440 km da Rio. In base a questi dati, lo scenario più probabile calcolato da John McConnell, editore della rivista Lancet Infectious Diseases, è che Zika infetti 1,8 persone ogni milione di turisti.

15 giugno 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us