Salute

In arrivo una mappa dell'olfatto (un senso che per ora ci è sconosciuto)

Non ci accorgiamo quasi di averlo, ma l'olfatto ci dà molte informazioni. E per questo motivo ora gli scienziati ne studiano tutte le "sfumature".

Conosciamo poco, pochissimo l'olfatto. Stiamo imparando a capire quanto sia fondamentale solo ora con la la pandemia, che ha rubato odori e profumi a tantissimi contagiati dal SARS-CoV-2. Ci mancano però perfino gli strumenti per valutare a fondo questo senso: per esempio, non esiste una "mappa degli odori" codificata, che aiuti a diagnosticare i problemi di naso e non solo.

La mappa degli odori. «Per i colori c'è: di ogni sfumatura possiamo indicare e quantificare saturazione, tinta, percentuale dei colori che la compongono con estrema precisione, e questo serve non solo per capire come vediamo ma anche nell'industria e ovunque serva definire i colori», spiega Joel Mainland, neuroscienziato dell'Università della Pennsylvania (USA) che sta studiando come realizzare una mappa degli odori a partire dai dati (sterminati) raccolti dal Global Consortium of Chemosensory Research, nato lo scorso anno per studiare le alterazioni dell'olfatto nei pazienti con CoViD-19.

Le uniche mappe delle fragranze risalgono a metà anni '80, quando fu pubblicato un "atlante degli odori" basato sulle esperienze olfattive di un profumiere, e al 2016, quando la Rockefeller University statunitense ha pubblicato un altro atlante che definisce 480 molecole odorose per la loro intensità, piacevolezza, familiarità e appartenenza a 20 categorie come speziato, muschiato, floreale e così via.

La sfida. Un'inezia, rispetto ai milioni di essenze che sappiamo distinguere e alle innumerevoli sfumature odorose che il nostro naso può cogliere: per questo ora la sfida è costruire una mappa molto più dettagliata, grazie ai tanti studi sull'olfatto avviati a seguito della pandemia.

Per approfondire e per curiosità: Ho perso i sensi (di Elena Meli) e I nasi da record (di Gabriele Ferrari), su Focus 349 (novembre 2021).
Per approfondire e per curiosità: Ho perso i sensi (di Elena Meli) e I nasi da record (di Gabriele Ferrari), su Focus 349 (novembre 2021). © Focus
23 ottobre 2021 Elena Meli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us