Salute

In arrivo una mappa dell'olfatto (un senso che per ora ci è sconosciuto)

Non ci accorgiamo quasi di averlo, ma l'olfatto ci dà molte informazioni. E per questo motivo ora gli scienziati ne studiano tutte le "sfumature".

Conosciamo poco, pochissimo l'olfatto. Stiamo imparando a capire quanto sia fondamentale solo ora con la la pandemia, che ha rubato odori e profumi a tantissimi contagiati dal SARS-CoV-2. Ci mancano però perfino gli strumenti per valutare a fondo questo senso: per esempio, non esiste una "mappa degli odori" codificata, che aiuti a diagnosticare i problemi di naso e non solo.

La mappa degli odori. «Per i colori c'è: di ogni sfumatura possiamo indicare e quantificare saturazione, tinta, percentuale dei colori che la compongono con estrema precisione, e questo serve non solo per capire come vediamo ma anche nell'industria e ovunque serva definire i colori», spiega Joel Mainland, neuroscienziato dell'Università della Pennsylvania (USA) che sta studiando come realizzare una mappa degli odori a partire dai dati (sterminati) raccolti dal Global Consortium of Chemosensory Research, nato lo scorso anno per studiare le alterazioni dell'olfatto nei pazienti con CoViD-19.

Le uniche mappe delle fragranze risalgono a metà anni '80, quando fu pubblicato un "atlante degli odori" basato sulle esperienze olfattive di un profumiere, e al 2016, quando la Rockefeller University statunitense ha pubblicato un altro atlante che definisce 480 molecole odorose per la loro intensità, piacevolezza, familiarità e appartenenza a 20 categorie come speziato, muschiato, floreale e così via.

La sfida. Un'inezia, rispetto ai milioni di essenze che sappiamo distinguere e alle innumerevoli sfumature odorose che il nostro naso può cogliere: per questo ora la sfida è costruire una mappa molto più dettagliata, grazie ai tanti studi sull'olfatto avviati a seguito della pandemia.

Per approfondire e per curiosità: Ho perso i sensi (di Elena Meli) e I nasi da record (di Gabriele Ferrari), su Focus 349 (novembre 2021).
Per approfondire e per curiosità: Ho perso i sensi (di Elena Meli) e I nasi da record (di Gabriele Ferrari), su Focus 349 (novembre 2021). © Focus
23 ottobre 2021 Elena Meli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us