Salute

L'obesità dipende anche dalla qualità del cibo, non solo dalla quantità

L'obesità è dovuta più a ciò che mangiamo, che a quanto mangiamo: occorre ridurre i cibi ad elevato indice glicemico, che favoriscono l'accumulo di grassi.

Per perdere peso bisogna mangiare meno e muoversi di più: è quanto consigliano le linee guida dietetiche per gli americani 2020-2025, che sostengono che per combattere l'obesità (da cui è affetto quasi uno statunitense su due) «è necessario ridurre il numero di calorie ingerite e aumentare il tempo dedicato all'attività fisica». Tuttavia, secondo uno studio pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition questo non sarebbe l'approccio migliore: la chiave non sta nel mangiare meno, ma nel mangiare correttamente, evitando cibi ad alto indice glicemico (IG).

Segnali sbagliati. Quello descritto dai 17 esperti internazionali che hanno partecipato allo studio è il modello dietetico carboidrati-insulina, secondo il quale i principali colpevoli dei nostri chili di troppo sarebbero i cibi ricchi di carboidrati raffinati e facilmente digeribili. Quando assumiamo questi alimenti il corpo aumenta la secrezione di insulina (che abbassa la glicemia nel sangue) e diminuisce la secrezione di glucagone (che alza la glicemia): le cellule di grasso iniziano perciò a immagazzinare più calorie, lasciandone meno disponibili per i muscoli e altri tessuti attivi dal punto di vista metabolico. Il nostro cervello percepisce che il corpo non sta ricevendo sufficiente energia, il metabolismo rallenta (per cercare di conservare l'energia necessaria)... e noi abbiamo ancora fame!

Obesità in Europa
L'Italia è al penultimo posto in Europa per tasso di obesità nella popolazione adulta (dati riferiti al 2016). Una classifica in cui è meglio arrivare ultimi. © OMS | Statista

qualità dei cibi. La chiave per combattere l'obesità non è dunque focalizzarsi su quanto mangiamo, ma su cosa mangiamo: «Diminuire il consumo di carboidrati a rapida digestione, sempre presenti nelle diete a basso contenuto di grassi, riduce a sua volta la tendenza del corpo a immagazzinare grasso», spiega David Ludwig, coordinatore dello studio: «così facendo, le persone perdono peso con meno fatica e patiscono meno la fame».

19 settembre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 31,90€
Follow us