Salute

Nuove cellule nervose anche nei cervelli adulti

Il dibattito su neurogenesi e invecchiamento sembra non avere mai fine: un nuovo studio afferma che la formazione di neuroni non diminuisce nel cervello con l'età.

Un nuovo studio si inserisce in un acceso dibattito che anima le neuroscienze, quello sulla capacità del cervello adulto di generare nuove cellule nervose. In base alla ricerca pubblicata sulla rivista Cell Stem Cell, uomini e donne sani continuano a produrre nuovi neuroni anche col passare dell'età, e le loro capacità di neurogenesi non subiscono un declino significativo.

Una questione controversa. Lo studio, che riguarda in particolare l'ippocampo, una piccola struttura cruciale nell'apprendimento e nella memoria e coinvolta nelle emozioni e nelle abilità cognitive, conferma quanto sostenuto negli ultimi anni di ricerche, mentre confuta un recente lavoro che affermava che la capacità di generare nuove cellule nervose si esaurisse con l'adolescenza.

Maura Boldrini, neurobiologa della Columbia University (New York), ha analizzato con i colleghi l'ippocampo di 28 cadaveri, deceduti tra i 14 e i 79 anni di età, esenti in vita da patologie di tipo psichiatrico o neurologico.

Riciclo continuo. Anche nei cervelli dei più anziani sono state trovate migliaia di cellule nervose ancora "nuove" e immature: «Le persone più anziane hanno la stessa abilità dei giovani di produrre migliaia di nuovi neuroni nell'ippocampo a partire da cellule progenitrici», spiega la ricercatrice. «Abbiamo anche riscontrato che l'ippocampo mantiene un volume equivalente a tutte le età. Tuttavia, gli individui più anziani hanno una minore vascolarizzazione e forse una minore abilità dei nuovi neuroni di formare connessioni.»

Altre differenze. Con l'età sembra anche diminuire il numero di cellule progenitrici (discendenti delle cellule staminali, con una capacità di differenziarsi più limitata rispetto ad esse). Ridotta disponibilità di cellule staminali neurali, minore vascolarizzazione e inferiore connettività nell'ippocampo potrebbero spiegare alcune difficoltà cognitive - per esempio, nella memoria - legate all'età.

6 aprile 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us