Salute

Nuove cellule nervose anche nei cervelli adulti

Il dibattito su neurogenesi e invecchiamento sembra non avere mai fine: un nuovo studio afferma che la formazione di neuroni non diminuisce nel cervello con l'età.

Un nuovo studio si inserisce in un acceso dibattito che anima le neuroscienze, quello sulla capacità del cervello adulto di generare nuove cellule nervose. In base alla ricerca pubblicata sulla rivista Cell Stem Cell, uomini e donne sani continuano a produrre nuovi neuroni anche col passare dell'età, e le loro capacità di neurogenesi non subiscono un declino significativo.

Una questione controversa. Lo studio, che riguarda in particolare l'ippocampo, una piccola struttura cruciale nell'apprendimento e nella memoria e coinvolta nelle emozioni e nelle abilità cognitive, conferma quanto sostenuto negli ultimi anni di ricerche, mentre confuta un recente lavoro che affermava che la capacità di generare nuove cellule nervose si esaurisse con l'adolescenza.

Maura Boldrini, neurobiologa della Columbia University (New York), ha analizzato con i colleghi l'ippocampo di 28 cadaveri, deceduti tra i 14 e i 79 anni di età, esenti in vita da patologie di tipo psichiatrico o neurologico.

Riciclo continuo. Anche nei cervelli dei più anziani sono state trovate migliaia di cellule nervose ancora "nuove" e immature: «Le persone più anziane hanno la stessa abilità dei giovani di produrre migliaia di nuovi neuroni nell'ippocampo a partire da cellule progenitrici», spiega la ricercatrice. «Abbiamo anche riscontrato che l'ippocampo mantiene un volume equivalente a tutte le età. Tuttavia, gli individui più anziani hanno una minore vascolarizzazione e forse una minore abilità dei nuovi neuroni di formare connessioni.»

Altre differenze. Con l'età sembra anche diminuire il numero di cellule progenitrici (discendenti delle cellule staminali, con una capacità di differenziarsi più limitata rispetto ad esse). Ridotta disponibilità di cellule staminali neurali, minore vascolarizzazione e inferiore connettività nell'ippocampo potrebbero spiegare alcune difficoltà cognitive - per esempio, nella memoria - legate all'età.

6 aprile 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us