Salute

Tumore al cervello: c'è una nuova possibile terapia per sconfiggerlo?

Identificati farmaci che sembrano in grado di colpire in modo mirato i tessuti affetti dal cancro, danneggiando il DNA delle cellule tumorali e causandone la morte.

Un gruppo di ricercatori dell'Università di Yale ha identificato degli agenti che riescono a colpire in modo selettivo i tessuti tumorali, risparmiando quelli sani. Il metodo sembra essere efficace per curare i glioblastomi (GBM), la forma più aggressiva e comune di cancro al cervello che ha un'incidenza annua globale di meno di 10 casi su 100.000 persone. «Il tasso di sopravvivenza a cinque anni per i pazienti affetti da glioblastoma è pari al 5%», sottolinea Seth Herzon, uno degli autori dello studio pubblicato su Science.

Cellule tumorali cervello in 3D
I gliobastomi sono la forma più grave e comune dei gliomi, tumori che si sviluppano a partire dalle cellule gliali del sistema nervoso centrale e possono interessare sia il cervello che il midollo spinale (nell'immagine, un'illustrazione 3D di cellule tumorali del cervello). © Peddalanka Ramesh Babu | Shutterstock

Farmacoresistenza. «Uno dei principali problemi quando si trattano i gliomi è il fatto che i pazienti sviluppano rapidamente una resistenza al temozolomide», spiega Ranjit Bindra, uno degli autori, riferendosi all'agente antitumorale alla base della maggior parte dei farmaci antiglioma utilizzati negli ultimi vent'anni. La resistenza insorge a causa di mutazioni genetiche che rendono il farmaco invisibile all'organismo dopo circa un anno di uso, vanificando la chemioterapia e portando alla morte del paziente nella maggior parte dei casi.

Danni mirati. I ricercatori hanno cercato di identificare degli agenti antitumorali che riuscissero a evitare questa farmacoresistenza. Per farlo, si sono serviti di una caratteristica tipica di oltre la metà dei gliomi, ovvero la perdita della MGMT, una proteina specifica che si occupa di riparare il Dna.

Sfruttando questo "punto debole", questi nuovi agenti riescono a colpire in modo selettivo i tessuti tumorali, danneggiando lievemente il Dna cosicché le cellule sane (che hanno la proteina MGMT) riescano a ripararlo, mentre quelle tumorali (prive della MGMT) muoiano in seguito all'aggravamento delle lesioni.

Questa scoperta, che secondo i ricercatori «ridefinisce le regole di come colpire le cellule tumorali», potrebbe applicarsi anche ad altri tipi di cancro: «Il prossimo passo è capire se questo metodo può essere implementato come strategia terapeutica per colpire diversi tumori con difetti nella riparazione del Dna», conclude Herzon.

31 agosto 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us